Gli yemeniti stanno morendo di fame nell’indifferenza del mondo

“Vorrei che non ci fosse guerra in Yemen. Vorrei che elettricità e acqua tornassero per poter vivere felici. E mangiare a sazietà.”

Queste le parole di un bambino yemenita di 10 anni. Ci racconta dei suoi sogni di tornare in pace nello Yemen, devastato dalla guerra a causa di un conflitto in cui stanno morendo di fame milioni di persone e in cui 320.000 bambini stanno soffrendo di una grave malnutrizione.

Nonostante la mancanza di statistiche accurate, i rapporti mostrano che molti bambini nati durante il conflitto sono morti a causa del collasso del sistema sanitario e della grave malnutrizione.

Dopo diciotto mesi di guerra, questo paese, già impoverito, è precipitato in uno stato peggiore della miseria. Peter Maurer, presidente della Croce Rossa, ha riassunto le drammatiche conseguenze della guerra dell’anno scorso: “Dopo cinque mesi di guerra, lo Yemen assomiglia alla Siria dopo cinque anni di conflitto“.

Il danno aumenta ogni giorno. Una delle cause della morte nello Yemen non è misurabile perché, se si sfuggono a proiettili e proiettili, si viene sorpresi dalla mancanza di cibo, acqua e cure mediche.

Non posso contare il numero dei miei parenti, amici e parenti di amici che sono morti perché la situazione umanitaria è catastrofica e dopo il fallimento dei colloqui di pace anche la speranza sta morendo. 

Il cibo come arma di guerra

Le guerre non scoppiano per caso, né la fame, hanno cause umane. La fame ha già prevalso in Yemen, ben prima dell’inizio della guerra nel marzo 2015. Questo paese è stato per molti anni in uno stato di insicurezza alimentare cronica, classificandosi tra gli ultimi nell’indice di sviluppo umano (HDI) mentre il presidente deposto, Ali Abdallah Saleh, stava accumulando miliardi .

Il declino dell’economia si è accentuato con la rivolta del 2011. Oltre alla corruzione, alla disuguaglianza sociale e alla disparità di distribuzione della ricchezza nazionale, lo sviluppo economico e sociale ha fatto progressi solo modesti negli ultimi anni, principalmente a causa della crisi politica che perpetua l’instabilità e la debolezza della sua governance, come sottolineato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) nel 2014.

Oggi la situazione è notevolmente peggiorata con il conflitto in corso. Tra le molte cause della fame nello Yemen, come rilevato dal World Food Program (WFP): carenza di carburante e restrizioni alle importazioni, che hanno ridotto la disponibilità di prodotti alimentari di base nel paese. Il 90% degli alimenti base dipende quasi interamente dalle importazioni.

Tuttavia, la principale causa della fame nello Yemen è l’uso del cibo come arma di guerra da parte di tutti i belligeranti. La coalizione guidata dai sauditi ha imposto un blocco ai principali porti dello Yemen, mettendo a repentaglio la sopravvivenza di milioni di yemeniti in attesa di emergenza per carburante, cibo o medicine, tutti importati. Ma mentre le agenzie di aiuto si affrettano a cercare aiuto, i sauditi decretano il divieto di inviarlo in aree controllate da Houthi, ha detto un giornalista delle Nazioni Unite .

Inoltre, la coalizione ha bombardato diversi ponti critici in tutto il paese  e lo yemen  dipende per il 90% degli aiuti alimentari delle Nazioni Unite. Allo stesso tempo, anche gli Houthi hanno anche usato il cibo come arma nelle aree che stanno attaccando, attualmente a Ta’izz e precedentemente ad Aden , dove i residenti non hanno più accesso all’acqua, carburante e cibo mentre sono assediati. Questa scarsità ha poi dato vita a un mercato nero in cui il prezzo dei prodotti essenziali è salito alle stelle, permettendo solo a pochi di permetterseli.

Pertanto, la privazione e la fame sono la norma oggi nello Yemen. Prima della guerra, la Banca mondiale aveva stimato che il 50% degli yemeniti viveva al di sotto della soglia di povertà, ma questa cifra è esplosa all’80%.

La carestia

Queste statistiche scioccanti indicano che gli yemeniti saranno presto decimati dalla carestia, poiché nulla suggerisce la fine della guerra. Finché il mondo rimane indifferente e le misure non vengono prese a tempo debito, tutti gli indicatori indicano l’imminenza di un’inevitabile carestia.

Nulla di ciò che ho visto in Yemen mi affligge più dolorosamente di vedere il mio paese cadere sotto i miei occhi in una carestia diffusa. Sono profondamente convinta che la fame sia la più grave violazione dei diritti umani nello Yemen, è vergognoso vedere la carestia diffusa in una regione circondata da alcuni dei paesi più ricchi del mondo.

È essenziale fermare l’imminente carestia prima che devasti il paese. Rapporto dopo rapporto, le testimonianze raccontano della fame e della sofferenza che comporta. Cosa stiamo aspettando per agire? I i corpi degli yemeniti si stanno accumulando e che i sopravvissuti sono così deboli che non è rimasto nessuno a scavare le tombe?

 

Articolo di Afrah Nasser, scrittrice e blogger yemenita indipendente che si concentra sulle violazioni dei diritti umani e vive in Svezia dal maggio 2011.

La versione originale dell’articolo è stata pubblicata su Middle East Eye 

 

 

 

 

 

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *