Le musulmane uigure costrette a dormire coi funzionari cinesi mentre i mariti sono rinchiusi nel campi di concentramento

Le musulmane uigure sono costrette a dividere i loro letti con funzionari cinesi maschi dopo che i mariti sono stati arrestati e rinchiusi nei campi di internamento.

Le immagini dei social media mostrano i funzionari che partecipano a matrimoni, funerali e altre celebrazioni uigure un tempo considerati intimi e privati.

Secondo quanto riferito, le donne musulmane i cui mariti sono stati rinchiusi nei campi di internamento cinesi sono costrette a condividere i letti con funzionari governativi maschi assegnati a sorvegliarle nelle loro case.

I funzionari del Partito Comunista dormono regolarmente accanto ai membri delle famiglie uigure perseguitate durante le visite di sorveglianza che durano fino a una settimana, lo hanno riferito fonti del Partito a Radio Free Asia (RFA).

Il monitoraggio fa parte della repressione sistematica dei musulmani nella regione occidentale dello Xinjiang in Cina, dove esperti e gruppi per i diritti umani ritengono che più di un milione di uiguri – la maggior parte dei quali uomini – siano arbitrariamente detenuti in campi segreti di rieducazione.

Coloro che non sono incarcerati affrontano un regime di sicurezza sempre più severo che include checkpoint armati, e strade monitorate da telecamere di riconoscimento facciale.

Dall’inizio dell’anno scorso, alle famiglie uigure dello Xinjiang è stato richiesto di “invitare” funzionari governativi nelle loro case, fornire loro informazioni sulla loro vita e opinioni politiche e rispettare l’indottrinamento politico.

La Cina ha dispiegato più di un milione di spie – la maggior parte di loro maschi facenti parte della maggioranza etnica Han del paese – che rimangono nelle famiglie uigure ogni due mesi nell’ambito di un programma denominato: “Convivi e diventa un’unica famiglia”.

La Cina distrugge i cimiteri uiguri

Durante le loro visite, i funzionari – che il governo descrive come “parenti” delle famiglie monitorate – lavorano, mangiano e spesso condividono il letto con i loro “padroni di casa”, ha detto a RFA un funzionario del partito comunista.

Stanno con i loro parenti in coppia giorno e notte”, ha detto l’ufficiale, che supervisiona da 70 a 80 famiglie nella contea di Yengisar e ha parlato a condizione di anonimato.

“Normalmente una o due persone dormono in un letto e, se fa freddo, tre persone dormono insieme”, ha aggiunto.

Il funzionario ha descritto le spie come “aiutanti” delle famiglie uigure “. Essi con la loro ideologia, portano nuove idee” e “parlano con loro della vita, sviluppando sentimenti reciproci”.

Il governo descrive il programma come volontario, ma i musulmani cinesi sono ben consapevoli del fatto che il rifiuto di qualsiasi iniziativa statale può portare ad essere bollati come potenziali estremisti. Le immagini dei social media mostrano i nuovi “parenti” che partecipano a matrimoni uiguri, funerali e altre occasioni un tempo considerate intime e private.

La Cina è stata accusata di genocidio per aborti forzati di donne musulmane uigure

Il capo di un comitato di quartiere di Yengisar ha confermato alla RFA che funzionari maschi dormivano regolarmente a fianco delle donne uigure durante i loro soggiorni. Ha suggerito che era ritenuto accettabile che i funzionari mantenessero una distanza di un metro dai loro “padroni di casa” di notte, e ha affermato che nessuno si era lamentato della procedura.

Human Rights Watch sostiene che alle famiglie uigure non è stata data alcuna possibilità di rifiutare le visite, che ha definito un esempio di “pratiche di assimilazione forzata profondamente invasive” che “non solo violano i diritti di base, ma possono anche favorire e approfondire il risentimento in tutta la regione”.

“Le famiglie musulmane in tutto lo Xinjiang stanno letteralmente mangiando e dormendo sotto l’occhio vigile dello Stato nelle loro case”, ha affermato Maya Wang, ricercatrice senior della Cina presso l’organizzazione.

Peter Irwin, portavoce del gruppo di esilio del Congresso uiguro del mondo, ha dichiarato a The Independent che il programma ha segnato “un perverso passo avanti” nella repressione cinese dei musulmani.

“Ciò che rappresenta è la completa distruzione della linea tra vita privata e pubblica”, ha aggiunto. “Avere uomini cinesi o funzionari di polizia cinesi sostanzialmente a casa non è una novità, ma ora si tratta di tenere sotto controllo le persone il più vicino possibile.

“È un programma per eliminare l’identità degli uiguri assicurandosi che le persone non possano più esprimerla”.

 

Articolo di Chris Baynesù versione originale apparsa sull Indipendent

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *