L’appello di Erdogan all’unità islamica: affrontare le sfide comuni per contare nel mondo

Il presidente turco Erdogan ha esortato i musulmani ad unirsi per affrontare le sfide comuni, difendere la Palestina, esigere una riforma degli assetti internazionali e contrastare l’islamofobia montante.
“Il mondo islamico è facilmente manipolabile perché i musulmani non sono uniti” ha detto mercoledì il presidente Recep Tayyip Erdoğan.
Il presidente turco ha sottolineato che i paesi musulmani stanno affrontando molte minacce, tra cui il terrorismo e la guerra civile, oltre all’ascesa della xenofobia.
 “Le organizzazioni terroristiche hanno versato sangue nei nostri mercati, moschee e scuole”, ha detto Erdoğan, in riferimento a gruppi che effettuano attacchi terroristici sotto il nome di Islam.
Ha continuato osservando che i musulmani sono impotenti, inattivi e non rappresentati in modo equo nelle organizzazioni internazionali.
“Il mondo islamico non ha alcuna possibilità di prendere e attuare decisioni per determinare il suo futuro”, ha detto ancora Erdoğan, sottolineando per l’ennesima una volta che non esiste un solo paese musulmano nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.
“Dobbiamo prima credere in noi stessi. Come Organizzazione per la cooperazione islamica (OIC), dobbiamo riconoscere il nostro potere, comprendere noi stessi e determinare il nostro atteggiamento di conseguenza. Le Nazioni Unite, che non sono riuscite a trovare soluzioni in Bosnia ed Erzegovina, Ruanda e Siria  non troverà soluzioni ai nostri problemi “, ha affermato e suggerito che la struttura del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite debba essere modellata tenendo conto della popolazione mondiale.
Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha criticato le divisioni settarie nel mondo musulmano e ha chiesto l’unità.  Rivolgendosi alla VI riunione del Consiglio religioso della Presidenza degli affari religiosi (DİB) nella capitale Ankara giovedì, Erdoğan ha anche criticato i paesi musulmani “in cerca di risposte in Occidente”.
 “Le faglie tra i musulmani sono ulteriormente accentuate dall’evidenziazione delle differenze nelle razze, nelle lingue, nelle sette e nel modo di fare”, ha affermato Erdoğan, che durante il suo mandato come primo ministro e presidente ha perseguito relazioni più strette per la Turchia con i paesi musulmani.
Ricordando che la nazione turca non discrimina mai tra i califfi di Rashidun, riferendosi al regno trentennale dei primi quattro califfi dopo la morte del profeta Muhamad, Erdoğan ha affermato che lo sciismo e il sunnismo sono dottrine diverse della stessa comunitá.
Ha poi ripetuto la sua richiesta di ristrutturare le Nazioni Unite e ha sostenuto che i musulmani devono essere difensori della giustizia nel 21 ° secolo.
Erdoğan ha anche invitato le Nazioni Unite e altre organizzazioni globali a designare il 15 marzo come “Giornata internazionale di solidarietà contro l’islamofobia”.
 La Turchia ha espresso preoccupazione per il crescente sentimento anti-musulmano e gli attacchi contro i musulmani in Occidente.
 Il paese ha proposto di istituire con Pakistan-Malesia un centro comune di comunicazione e media contro il razzismo anti-musulmano.
L’odio anti-musulmano è aumentato in modo significativo in Europa negli ultimi anni.  L’estremismo di estrema destra e la xenofobia hanno alimentato l’odio anti-musulmano nei paesi occidentali, dove gli attacchi terroristici di Daesh e al-Qaida sono usati come scusa per legittimare queste opinioni. 
Sebbene l’inimicizia nei confronti dei musulmani non sia un fenomeno nuovo, si è intensificata dopo il 2001 quando due aerei si sono schiantati contro il World Trade Center di New York City. 
Da allora, per quasi due decenni, l’Islam è stato ingiustamente offuscato con etichette che hanno connotazioni negative e raffigurato come una religione di odio e violenza con sentimento anti-occidentale e oppressione delle donne.
Toccando la questione della Palestina, il presidente ha affermato che anche i musulmani dovrebbero prendere una posizione determinata contro l’ingiustizia di Israele e che la Turchia è determinata a difendere i diritti dei palestinesi su tutte le piattaforme.
 “Sfortunatamente, l’ummah islamica ha perso il motivo di riunirsi, fare affari comuni e produrre soluzioni comuni ai loro problemi. Ancora oggi, vediamo questa carenza in molti dei nostri problemi, tra cui Gerusalemme.
 “I musulmani cercano soluzioni nelle capitali occidentali ai loro problemi, invece di chiedere aiuto ai loro fratelli e sorelle musulmani”, ha lamentato.

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *