Nel Dossier Cesar le prigioni dell’orrore di Assad, 26.948 scatti di cadaveri torturati dal regime

Come in Argentina la ESMA, la famigerata scuola di meccanica della marina a Buenos Aires, è stata trasformata in un museo della memoria in ricordo delle migliaia di giovani uomini e donne che in quel luogo furono torturati e uccisi, o come in Cambogia a Phnom Penh è stato creato il museo del genocidio di Tuol Sleng, e ancora, come a Santiago in Cile dove un analogo luogo è dedicato al ricordo delle vittime del regime di Augusto Pinochet, e come in tutti quei luoghi dove un triste passato viene ricordato, forse, Dio solo lo sa, tra qualche decennio anche la Siria avrà i suoi struggenti e dolorosi musei della memoria.

Forse, perché non ci sono certezze in proposito. Anzi, ora tutto sembra far credere che Assad e la sua dinastia rimarranno ancora a lungo al potere perché da lì, al momento, nessuno pare aver la forza o la volontà di estrometterlo. Ma a volte capita che questi despoti in apparenza invincibili prima o poi crollino e finiscano in quella che Carlo Marx chiamava la pattumiera della storia.

Che fine hanno fatto personaggi del calibro di George Videla, Augusto Pinochet, Pol Pot, Milosevic? Sono morti e sepolti e di loro ci si ricorda, quando ancora ci si ricorda, solo con raccapriccio, ma ci fu un tempo in cui si parlava bene di loro, un tempo in cui avevano forza, fama e potere. Videla e Pinochet secondo molti salvarono i loro paesi dal caos, Milosevic era il campione del nazionalismo serbo e Pol Pot fu il liberatore della Cambogia e il grande costruttore di una società nuova, dove i bambini avrebbero preso il comando e le città cessato di esistere.

Ci auguriamo che luoghi come Hula, Hama, il carcere di Sednaya possano un giorno ospitare musei dove si ricorderà, perché non sia dimenticato, il sacrificio cruento di migliaia e migliaia di esseri umani morti per le torture, o uccisi e straziati da bombardamenti disumani condotti a soli scopi terroristici contro una popolazione civile indifesa.

Ordigni come Barrel Bombs (barili esplosivi caricati con chiodi, bulloni e ferraglia varia), Cluster Bombs (bombe che all’esplosione liberano grappoli di altre micidiali piccole bombe) sono stati utilizzati a profusione sui territori sfuggiti al controllo del regime, senza che nel nostro mondo abbiano suscitato neppure un flebile sospiro di protesta.

Quando invece Assad ha utilizzato le armi chimiche, allora gli Stati Uniti hanno inscenato una reazione, perché a detta loro, la linea rossa era stata varcata. Fu poco più che una sceneggiata. Qualche missile Cruise lanciato su obbiettivi che erano stati dichiarati in precedenza, dando così al regime la possibilità di limitare i danni al minimo indispensabile. Come se poi, per quella povera gente, essere fatti a pezzi dall’esplosione di una bomba a frammentazione o essere asfissiati dal gas facesse molta differenza.

Immagini tratte dal Dossier Cesar

Oggi nella regione di Idlib, come in precedenza ad Aleppo e in numerose altre città, ospedali, scuole, forni del pane, mercati sono stati e sono tuttora l’obbiettivo dei bombardieri russi e assadisti, perché si voleva e si vuole rendere impossibile la vita nei territori controllati dai ribelli, creando intorno a loro il deserto, lasciando solo terra bruciata, paesaggi lunari dove neppure i topi possano sopravvivere.

Quello siriano è il martirio di un intero popolo al quale un tiranno sanguinario, figlio di un altro tiranno altrettanto sanguinario, e i suoi alleati, da ormai quasi nove anni, non hanno dato tregua al solo scopo di conservare a qualunque prezzo il potere.

A differenza dello Stato Islamico, che amava rendere spettacolari e diffondere via internet le sue truculente imprese, il regime di Assad ha sempre cercato di nascondere sotto il tappeto, per quanto ha potuto, i suoi crimini, crimini nei confronti dei quali quelli degli uomini del califfato sono ben poca cosa.

Nel 2015 un oscuro fotografo al servizio della polizia militare di Assad, che una volta fuggito in occidente, si è poi scelto il nome d’arte di César, al quale era stato dato il compito di fotografare e catalogare i cadaveri dei prigionieri morti per mano del regime siriano, perché il regime del Baath su queste cose è più preciso e scrupoloso di un vecchio travet di banca, ha salvato su alcune chiavette Usb le foto di decine di migliaia di cadaveri, foto di poveri esseri sui quali sono evidenti i segni di orribili torture, ed è riuscito a far uscire dalla Siria questo materiale.

Il dossier César comprendeva in un primo momento 55.000 foto suddivise in tre categorie di immagini. Anzitutto, c’erano le foto dei detenuti morti dentro le prigioni o nei bracci clandestini dell’intelligence del regime. La seconda categoria era costituita dai militari caduti in combattimento sui quali spesso viene posto un cartello recante la scritta “martire”, e la terza categoria raccoglieva le foto agghiaccianti di civili freddati da colpi di arma da fuoco, o dallo scoppio di una bomba a mano si trattava di uomini, donne, vecchi e bambini. Queste vittime erano catalogate come appartenenti alla categoria “terroristi”.

Dopo un lungo lavoro di scrematura e catalogazione compiuto da attivisti della resistenza in esilio, risulteranno 26.948 scatti di 6.627 detenuti morti in detenzione in ventiquattro centri detentivi situati a Damasco, quasi sempre dopo essere stati orribilmente torturati. Documentati foto per foto, cadavere per cadavere.

Attualmente il martirio del popolo siriano non sembra scuotere troppo le coscienze degli uomini al potere nel mondo occidentale. Il nostro ministro degli esteri, il 5 stelle Luigi Di Maio, solo qualche settimana fa, ha dichiarato che “è tempo di dialogare con Damasco” laddove dicendo Damasco ha inteso dire Bashar Assad e il suo regime sostenuto da Russia e Iran. Certo, il realismo in politica dovrebbe essere una virtù, ma in alcuni casi il realismo diventa cinismo

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *