I musulmani britannici nel mirino dell’ UK Terrorism Act: viola lo Stato di diritto


Il rapporto di CAGE, un organismo che si occupa di diritti umani affronta l’ascesa del regime antiterrorismo britannico a livelli storicamente senza precedenti.

Lunedì scorso in occasione del 20 ° anniversario della promulgazione del  TACT (UK Terrorism Act 2000), il CAGE (gruppo per i diritti umani con sede nel Regno Unito) ha pubblicato un ampio rapporto su come il regime britannico antiterrorismo (CT) si sia “allargato a livelli senza precedenti” –  raggiungendo un livello di controllo sociale “legato a sistemi e metodologie che possono arrivare al ritiro della cittadinanza e la perdita della patria potestà, una sovversione del sistema giudiziario attraverso l’uso crescente di prove segrete e al rafforzamento della discriminazione contro i musulmani e cittadini stranieri”.

L’organizzazione afferma che è stato creato un sistema giudiziario parallelo che mina lo Stato di diritto e viola le libertà civili per tutti, mentre “introduce tecniche e tecnologie che giustificano l’intrusione e la sorveglianza in ogni singola sfera della vita”.

Intitolato “20 anni di TACT: Justice under Threat”, il rapporto descrive in dettaglio come gli ultimi due decenni hanno visto la ritualizzazione di nuove politiche di “antiterrorismo” quasi ogni anno, dal TACT 2000 che costituisce la spina dorsale legislativa della polizia antiterrorismo in Gran Bretagna .

Durante quel periodo, il Regno Unito ha assistito alla nascita di un discorso politico e mediatico sul “terrorismo” che ha costantemente normalizzato e legittimato l’apparato di sorveglianza di massa.

Pur trascurando il modo in cui lo stesso antiterrorismo è servito da giustificazione, la narrazione si è ora spostata dall’idea laica del “terrorismo” in riferimento ad atti di violenza pubblica di massa, alla maggior parte dei reati istituiti e perseguiti ai sensi del TACT che riguarda “ciò che potrebbero essere definiti reati pre-criminali e/o non violenti”.

L’espansione dei poteri CT è in gran parte dovuta alle condanne di “pre-criminalità” per reati che sono molto lontani dagli atti di violenza, come il possesso di materiale vietato senza prova dell’intenzione di commettere reati.

Con gli arresti di “terroristi”, e in particolare con le incursioni, che spesso attirano l’attenzione dei media e fungono da indicatore visibile del fatto che “si sta facendo qualcosa”, i dati mostrano che la realtà è lontana dai titoli e spesso è molto diversa dall’impressione da loro creata. Nel frattempo, da quando le statistiche del TACT hanno iniziato a essere registrate, solo l’11,6% degli “arresti terroristici” ha portato a condanne, mentre quasi la metà di tutti gli arrestati non ha subito condanne (solo poco più di un quarto degli arrestati sono stati accusati di un reato di terrore).

Inoltre, il modo in cui lo spettro dei prigionieri “estremisti” o “terroristi” viene strumentalizzato  politicamente – con l’idea che le prigioni siano “terreni fertili per il terrore” – ha anche giustificato l’espansione del regime carcerario e convalidato percezioni discriminatorie dell’Islam e dei musulmani.

I musulmani costituiscono il 77% delle persone detenute in custodia per reati di terrorismo: lo stigma e la paura associati ai criminali a maggioranza musulmana hanno contribuito a giustificare il duro approccio poliziesco e minare l’idea stessa di riabilitazione.

Ciò si è aggiunto ai già immensi problemi che i musulmani britannici affrontano quando tentano di partecipare alla vita quotidiana e contribuire alla società in cui vivono.

In questa nuova cultura, ciò che è spesso considerato un comportamento “sconsiderato” o altrimenti fuorviante che non implica la sua repressione, è diventato la base per convinzioni contrarie che sono basate su interpretazioni politicizzate e concezioni discriminatorie dell’ideologia islamica.

L’ architettura antiterrorismo trascura il pilastro fondamentale del giusto processo

L’accusa ha successo principalmente perché l’onere della prova si sposta sull’imputato e sulla dipendenza da prove segrete, minando i principi fondamentali della giustizia.

A questo proposito, la relazione rivela una tendenza crescente di condanne “preventive” in un contesto di polizia discriminatoria e in un ambiente politico islamofobo profondamente tossico.

Tutto ciò è stato reso possibile da una lobby antiterrorismo altamente redditizia e profondamente radicata nel governo. Persino i tribunali sono talvolta deferenti di fronte alle “giustificazioni” presentate da questo corrosivo indebolimento dello Stato di diritto.

CAGE afferma che le sue preoccupazioni sono rese ancora più significative dato un contesto più ampio in cui l’antiterrorismo ha negato i minimi progressi ottenuti con il multiculturalismo e sta spingendo verso una politica sociale più rigorosamente nazionalista e assimilazionista. Ciò ha implicazioni anche nella  politica estera, con il potente regime di prescrizione finalizzato a vietare le organizzazioni “terroristiche” che permettono al governo britannico di usare le sue leggi per sostenere i suoi alleati all’estero a combattere le loro opposizioni interne.

Azfar Shafi L’autore del rapporto ha dichiarato:

“In un momento in cui le questioni relative alla polizia e alla violenza di Stato sono  al centro della scena, è fondamentale valutare in che modo il TACT e il regime” antiterrorismo “hanno creato un regime di sorveglianza tentacolare che ha portato a una militarizzazione e una politica di stagnazione. Questo rapporto cerca di tracciare l’impatto su individui, comunità, istituzioni e principi nella società britannica negli ultimi due decenni “.

“La spinta perpetua verso più leggi e più poteri per combattere il “terrorismo” sono servite a svuotare il sistema giudiziario e la democrazia dall’interno negli ultimi vent’anni. Questo rapporto evidenzia alcuni dei danni che sono stati messi in atto in nome della lotta al”terrorismo” dal 2000 e traccia una nuova direzione “.

Dal canto suo Fahad Ansari, avvocato che si occupa di diritti umani ha dichiarato:  

“Due decenni di legislazione e politiche antiterrorismo hanno desensibilizzato il pubblico britannico all’erosione del giusto processo all’interno del sistema giudiziario penale al punto che ora non è pacifico che qualcuno accusato di un crimine possa assistere all’udienza e vedere il prove presentate nei suoi confronti. La propensione dei diversi governi a rispondere ad ogni atto di terrorismo legiferando ulteriormente sulle libertà fondamentali non solo non è riuscita a proteggerci, ma ha cercato di rendere tutti i cittadini gli occhi e le orecchie dello Stato “.