Biden rinnega l’attivista democratica Linda Sarsour per aver promosso il BDS contro Israele


Linda Sarsour attivista democratica musulmana è stata attaccata dalla campagna del candidato alla presidenza Joe Biden per aver sostenuto il Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni nei confronti di Israele.

La campagna di Biden dichiara di essere dalla parte dei musulmani, ma non essersi scusati dopo l’attacco a Linda Sarsour hanno alimentato la rabbia dei suoi sostenitori,  le non-scuse hanno fatto poco per placare la rabbia dei sostenitori nella comunità islamica.

C’è una reale possibilità che le elezioni presidenziali di novembre possano essere decise da chi vincerà in Michigan. Nel 2016, il presidente Donald Trump ha vinto lo stato del Midwest con una differenza di soli 10.000 voti.

Il Michigan ospita importanti comunità di origine araba e pertanto di molti musulmani- un collegio elettorale di centinaia di migliaia persone che potrebbe influenzare le elezioni in un modo o nell’altro.

Giovedì, l’importante attivista palestinese-americana Linda Sarsour ha detto ai sostenitori che la decisione della campagna di Joe Biden di ripudiarla, avvenuta a inizio di questa settimana, potrebbe influenzare le possibilità del Partito Democratico di vincere lo stato a novembre.

Sarsour ha affermato di sapere come organizzare e stimolare gli elettori musulmani e arabi di cui l’ex vice presidente avrebbe bisogno in Michigan e in altri stati.

In un discorso trasmesso sui social media, l’attivista ha detto che la campagna di Biden, l’ha rinnegata per aver sostenuto il Movimento di boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS e in questo modo si  è opposta agli elettori arabi, musulmani e progressisti che condividono le sue opinioni nel sostegno  ai diritti umani dei palestinesi.

“Il Partito Democratico dice di essere una ‘grande tenda’. ‘Grande tenda’ significa che si dovranno fare i conti con persone appartenenti al vostro partito con cui non siete d’accordo; questo è ciò che significa una grande tenda”, ha affermato Sarsour.

La polemica è iniziata martedì, in un panel ufficiale al congresso democratico, quando Sarsour ha parlato per tre minuti di mobilitare il voto dei musulmani.

I media di destra e la campagna di Trump hanno approfittato di quella breve apparizione, producendo video e notizie che accusano Sarsour di antisemitismo e criticando i democratici per averle dato uno spazio.

Nonostante Sarsour sia una figura apprezzata nell’ala sinistra dei democratici USA e abbia rapporti con molti progressisti di spicco, la campagna di Biden si è precipitata a condannarla e a prendere le distanze da lei.

“Joe Biden è stato un grande sostenitore di Israele e un veemente oppositore dell’antisemitismo per tutta la sua vita, e ovviamente condanna le opinioni di Sarsour e si oppone al BDS”, ha detto il portavoce della campagna Andrew Bates in una dichiarazione.

E ancora: “Lei non ha alcun ruolo nella campagna di Biden.”

Mancate scuse

Sarsour ha detto che le dichiarazioni di Bates sono state un “grande errore”.

Diversi gruppi che rappresentano un’ampia gamma di comunità e tendenze hanno detto che le accuse di antisemitismo contro Sarsour e i difensori dei diritti palestinesi sono inaccettabili e hanno preteso le scuse da parte della campagna di Biden. 

Le organizzazioni che hanno parlato in difesa della Sarsour includono il Council on American-Islamic Relations (CAIR), l’Istituto Arabo Americano (AAI), il Comitato Antidiscriminazione Americano-Arabo ( ADC) e Emgage, Jewish Voice for Peace e molti altri.

Un tentativo della campagna di placare l’indignazione riaffermando il sostegno alle comunità arabe e musulmane, senza menzionare Sarsour non è servito a placare le critiche.

“Mentre Joe Biden afferma il suo sostegno alle relazioni USA-Israele e si oppone al BDS, ha affermato molte volte di non equiparare le critiche alla politica del governo israeliano con l’antisemitismo”, ha riportato il consigliere senior di Biden, Symone Sanders, in una serie di tweet.

“La campagna di Biden continuerà a impegnarsi regolarmente con gli americani musulmani e gli arabi su questioni importanti per le loro comunità.”

Le mancate scuse da parte di Symone Sanders, che ha stretti rapporti con Sarsour e ha espresso stima per l’attivista musulmana a febbraio, hanno scatenato una nuova ondata di critiche contro la campagna.

“Non pensate di poter diffamare brutalmente un membro di spicco della nostra comunità- che ha lavorato instancabilmente per la giustizia per tutte le comunità- e in seguito aspettarvi il nostro sostegno”, ha scritto l’attivista palestinese-americana Huwaida Arraf in risposta a Sanders.

Nella sua dichiarazione di giovedì, Sarsour ha affermato che la campagna di Biden sta zittendo le voci progressiste nel partito al fine di soddisfare i critici di destra, i quali non voteranno mai per il ticket democratico.

“Sono una delegata musulmana che si rivolge a un’assemblea di delegati musulmani al Congresso Nazionale Democratico, di cui sono ufficiale rappresentante, e questo è tutto”, ha detto.

Mercoledì, un gruppo di delegati democratici palestinesi-americani ha chiesto una “ritrattazione immediata” delle dichiarazioni della campagna contro Sarsour.

“Questo ripudio di Linda Sarsour puzza di misoginia, intolleranza anti-musulmana e anti-palestinese. Vuole fare da scudo per le violazioni dei diritti umani di Israele”, hanno affermato i delegati in una dichiarazione.

“La campagna di Biden non deve seguire la guida dell’amministrazione Trump e dovrebbe essere superiore a questi attacchi e fare uno sforzo congiunto per includere e rappresentare la visione collettiva per un partito veramente democratico.”

Alcuni critici di Sarsour hanno accolto con favore la dichiarazione di Bates.
“Linda Sarsour è una nota antisemita e oppositrice dello Stato di Israele e non avrebbe mai dovuto avere uno spazio per parlare. Mi unisco al vice presidente Biden nella condanna della sua retorica odiosa e della sua intolleranza”, ha sostenuto il deputato democratico Josh Gottheimer, che è fermamente pro-Israele.

Altri membri del Congresso hanno difeso l’organizzatrice musulmana-americana. Durante un evento virtuale per i rappresentanti musulmani-americani a margine della convention democratica di mercoledì, il deputato Andre Carson ha lodato Sarsour come qualcuno che si alza in piedi per i “senza voce”.

Anche la deputata Rashida Tlaib si è pronunciata a favore della Sarsour.

“Sono così stufa di persone che perseguitano Linda Sarsour e altri attivisti palestinesi per aver detto la verità sull’oppressione e l’ingiustizia. Non avete ancora capito. Non ci fermeremo finché tutti non saranno liberi. Combatteremo sempre l’odio”, ha scritto su Twitter.

Ady Barkan, un attivista progressista affetto da SLA che è venerato dai democratici per la sua difesa dell’assistenza sanitaria universale, ha definito la dichiarazione della campagna di Biden contro Sarsour “vile e disonesta”.

“Linda è una sostenitrice della giustizia e della libertà, è una leader antirazzista e attivista contro l’antisemitismo”, Barkan, che ha pronunciato un discorso al convegno di martedì, ha affermato in un tweet. “La campagna di Biden deve ritrattare e scusarsi.”