Crimini di guerra: presentata alla Corte Penale Internazionale lista di 40 ufficiali israeliani


Una ONG con sede negli Stati Uniti ha dichiarato di aver presentato un elenco di 40 militari israeliani alla Corte penale internazionale (ICC) per un’indagine sui “crimini di guerra” a Gaza.

“Il procuratore della Corte penale internazionale (ICC) dovrebbe indagare come sospetti di crimini di guerra e crimini contro l’umanità i maggiori comandanti israeliani”,
Lo ha sostenuto Democracy for Arab World Now (DAWN) in un comunicato.

Ne documento è scritto che i nomi di 40 comandanti israeliani sono stati presentati al procuratore capo della CPI Karim Khan, affermando che questi individui hanno “preso parte o che hanno la responsabilità di comando diretto su operazioni che probabilmente comprendono attacchi indiscriminati e intenzionali contro i civili, l’uso della fame come arma, il blocco degli aiuti umanitari e l’imposizione dell’assedio a Gaza”.

Sarah Leah Whitson, direttore esecutivo di DAWN, ha affermato che i 40 comandanti israeliani “che sono stati responsabili della pianificazione, dell’ordine e dell’esecuzione del bombardamento indiscriminato da parte di Israele, della distruzione totale e dell’uccisione di massa di civili a Gaza dovrebbero essere i primi indagati in qualsiasi indagine della CPI”.

Il ministro della difesa israeliano è in cima alla lista

“In cima alla lista dei sospetti c’è il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant. Il 9 ottobre 2023, Gallant ha ordinato un assedio completo di Gaza City, ha tagliato l’approvvigionamento di acqua potabile all’intera popolazione della Striscia di Gaza – oltre 2 milioni di persone, ha bloccato l’ingresso di aiuti umanitari e ha supervisionato il bombardamento indiscriminato di Gaza”, ha detto l’ONG.

L’elenco include anche il maggiore generale Ghassan Alian. Secondo l’ONG, Alian è “responsabile dell’amministrazione dell’assedio di Gaza ed è stato responsabile del blocco dell’approvvigionamento di acqua, cibo e carburante nei primi giorni della guerra”.

L’elenco include anche il tenente Il colonnello Dvir Edri, il comandante della 460a Brigata Corazzata, che secondo DAWN ha partecipato alle operazioni di combattimento nel nord di Gaza dal 4 novembre.

“Tra mezzogiorno del 4 novembre e mezzogiorno del 5 novembre, secondo i dati pubblicati dalle Nazioni Unite, 243 palestinesi sono stati uccisi a Gaza. È stato documentato che
Fanteria, genio militare e unità corazzate sotto il comando del tenente colonnello Edri hanno attaccato siti civili protetti come ospedali, luoghi di culto e scuole”, ha aggiunto l’ONG.

Michael Schaeffer Omer-Man, direttore della ricerca per Israele-Palestina all’ALBA, ha dichiarato: “Il diritto penale israeliano non stabilisce alcun tipo di “responsabilità di comando” per i crimini di guerra, il che significa che i tribunali israeliani non ritengono mai responsabili gli alti ufficiali e quasi sempre assolve i loro subordinati dalle accuse di aver commesso gravi crimini di guerra”.