Parte il giudizio per genocidio contro Israele-Segui qui la diretta


A partire dalle 10 di questa mattina Sudafrica presenterà le sue argomentazioni contro Israele alla Corte Internazionale di Giustizia (CIJ) all’Aia, Paesi Bassi.

Ecco come si presenta il programma di oggi e domani (ora locale) secondo la CIJ:

Giovedì 11 gennaio 2024 – 10.00 – 13.00: Esposizione del caso da parte del Sudafrica

Venerdì 12 gennaio 2024 – 10.00 – 13.00: Argomentazione difensiva di Israele

La Corte Internazionale di Giustizia (CIJ), con sede all’Aia, terrà udienze giovedì e venerdì in risposta alle accuse di genocidio presentate dal Sudafrica contro Israele.

Qui potete seguire la diretta 

La Corte Internazionale di Giustizia (CIJ), con sede all’Aia, terrà udienze giovedì e venerdì in risposta alle accuse di genocidio presentate dal Sudafrica contro Israele.

Oltre 23.000 palestinesi sono stati uccisi nella guerra in corso a Gaza, inclusi più di 9.000 bambini.

Il Sudafrica richiede un ordine d’emergenza che chieda a Israele di sospendere la sua campagna militare, avviata in seguito a un attacco da parte dei combattenti palestinesi di Hamas il 7 ottobre.

Lo Stato africano ha presentato la causa alla fine di dicembre, citando dichiarazioni fatte da funzionari pubblici israeliani e le azioni del suo esercito.

È la prima volta che Israele viene processato sotto la Convenzione delle Nazioni Unite sul Genocidio, che è stata redatta dopo la Seconda Guerra Mondiale alla luce delle atrocità commesse contro gli ebrei e altre minoranze perseguitate durante l’Olocausto.

Sebbene qualsiasi sentenza non sia esecutiva, una sentenza contro Israele porta un’enorme significato simbolico.

La CIJ è il tribunale supremo delle Nazioni Unite, istituito nel 1945, che si occupa di controversie tra paesi e fornisce pareri consultivi.

Ha 15 giudici che sono eletti per mandati di nove anni dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e dal Consiglio di Sicurezza.

Il tribunale può essere ampliato con l’aggiunta di un giudice da ciascuna parte del caso, in questo caso, Sudafrica e Israele.

Il Sudafrica ha nominato Dikgang Moseneke, ex vice capo della giustizia del paese, e Israele ha nominato Aharon Barak, ex presidente della Corte Suprema del paese.

I giudici attuali della CIJ provengono da Stati Uniti, Russia, Cina, Slovacchia, Marocco, Libano, India, Francia, Somalia, Giamaica, Giappone, Germania, Australia, Uganda e Brasile.

Nella sua domanda di 84 pagine alla CIJ, il Sudafrica ha affermato che le azioni di Israele a Gaza sono “di carattere genocida perché intendono portare alla distruzione di una parte sostanziale del gruppo nazionale, razziale ed etnico palestinese”.

Israele ha respinto la presentazione, definendola “calunnia di sangue” – un riferimento a menzogne antisemite che hanno origine nel Medioevo, che sostenevano che gli ebrei assassinassero ragazzi cristiani per utilizzare il loro sangue in rituali religiosi.

Gli esperti hanno definito la domanda un caso molto serio e ben documentato presentato dal Sudafrica.

“Contro uno sfondo di apartheid, espulsione, pulizia etnica, annessione, occupazione, discriminazione e la continua negazione del diritto del popolo palestinese all’autodeterminazione, Israele, in particolare dal 7 ottobre 2023, non è riuscito a prevenire il genocidio”, afferma la domanda.

La CIJ è politica?

In teoria no. Tuttavia, nella pratica, i giudici sono selezionati dai loro stati di origine e queste sono scelte politiche.

La ricerca accademica sui pregiudizi del tribunale suggerisce che “i giudici votano per i loro stati di origine circa il 90 percento delle volte. Quando i loro stati di origine non sono coinvolti, i giudici votano per stati simili ai loro stati di origine – lungo le dimensioni della ricchezza, cultura e regime politico. I giudici possono anche favorire i partner strategici dei loro stati di origine”.

I governi di Stati Uniti, Germania e Francia, che hanno ciascuno un giudice nel tribunale, sono stati strenui sostenitori della campagna di distruzione di Israele a Gaza – fornendole non solo copertura politica ma anche, nel caso di Germania e Stati Uniti, armi.

Slovacchia, Marocco, India, Giamaica, Giappone, Australia e Uganda sono anche tutti stretti alleati americani – il cui voto potrebbe essere influenzato da accordi dietro le quinte.

Perché i paesi arabi non hanno avviato procedimenti contro Israele?

Quando Israele ha accettato la giurisdizione della CIJ, ha detto che non si sarebbe conformata alle domande degli stati che non “riconoscono Israele o che rifiutano di stabilire o mantenere normali relazioni diplomatiche con Israele”.

Solo un paese arabo, la Giordania, ha sostenuto la petizione della CIJ presentata dal Sudafrica.

L’ex vicepresidente ad interim dell’Egitto e ex direttore dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, Mohamed ElBaradei, ha detto che il fatto che gli stati arabi si siano astenuti dal partecipare ai procedimenti della CIJ contro Israele non rappresenta il loro popolo.

In un post che ElBaradei ha condiviso su X, ha descritto l’astensione dei paesi arabi come “una macchia di vergogna che non può essere cancellata”.

Egitto, Marocco e Emirati Arabi Uniti riconoscono Israele e sono parte della Convenzione sul Genocidio ma non hanno fatto dichiarazioni di sostegno alla CIJ.

Chi altro ha sostenuto il caso del Sudafrica alla CIJ?

L’Organizzazione della Cooperazione Islamica (OCI), un blocco di 57 membri che include Arabia Saudita, Iran, Pakistan e Marocco, ha espresso il suo sostegno per il caso il 30 dicembre.

Malesia, Turchia e Giordania hanno tutti sostenuto il caso del Sudafrica presentando documenti di supporto alla CIJ.

Anche la Bolivia ha sostenuto il caso, diventando il primo paese latinoamericano a farlo.

Quando si tratta della questione del genocidio, il diritto internazionale riconosce la definizione stabilita nell’Articolo II della Convenzione sul Genocidio delle Nazioni Unite e nello Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale.

Questa definizione, accettata da più di 130 paesi inclusi Stati Uniti, Germania, Francia e Regno Unito, afferma che genocidio significa atti “commessi con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso”.

Sia Israele che il Sudafrica aderiscono alla Convenzione sul Genocidio, il che significa che sono obbligati a “prendere misure per prevenire e punire il crimine di genocidio”, come adottare legislazione o punire coloro che sono ritenuti colpevoli del crimine.

Quale significato avrà una sentenza?

Israele è stato un membro fondatore della CIJ negli anni ’50, in seguito all’assassinio di sei milioni di ebrei da parte della Germania durante la Seconda Guerra Mondiale. Israele che si difende dalle accuse di genocidio presso lo stesso tribunale è probabilmente destinato ad avere un enorme simbolismo.

L’avvocato polacco-ebraico Raphael Lemkin coniò la parola genocidio nel 1944 e fece pressioni instancabili per la sua inclusione come crimine nel diritto internazionale. I suoi sforzi hanno dato i loro frutti quando, nel 1948, le Nazioni Unite approvarono la Convenzione per la Prevenzione e la Punizione del Genocidio.

La Convenzione sul Genocidio a cui Israele è firmatario è stata creata a causa dell’Olocausto. Ora Israele deve difendersi da tali accuse.