Appello di 127 accademici ebrei ai deputati francesi: antisionismo e antisemitismo non sono equiparabili, no alla risoluzione.

Il Parlamento francese ha approvato una risoluzione che equipara l’antisionismo all’antisemitismo, il testo presentato dal partito del Presidente Macron viene considerato sbagliato e pericoloso da 127 professori universitari ebrei che nei giorni scorsi hanno rivolto ai deputati francesi questo appello: 

Questa risoluzione è altamente problematica: noi studiosi e intellettuali ebrei d’Israele e di altri paesi, inclusi molti esperti di antisemitismo e della storia dell’ebraismo e dell’Olocausto, alziamo la voce contro questa risoluzione.

L’ascesa dell’antisemitismo nel mondo, compresa la Francia, è di grande preoccupazione per noi. Consideriamo l’antisemitismo e tutte le altre forme di razzismo e xenofobia come una vera minaccia contro la quale dobbiamo combattere con la massima fermezza e sollecitare il governo e il parlamento francese a farlo.
Pur sottolineando fortemente la nostra preoccupazione, ci opponiamo alla proposta di risoluzione sull’antisemitismo per due motivi principali e chiediamo ai deputati dell’Assemblea Nazionale Francese di non approvarla.

Innanzitutto, la relazione esplicativa della proposta di risoluzione associa l’antisionismo all’antisemitismo, affermando che “criticare l’esistenza stessa di Israele come comunità di cittadini ebrei equivale all’odio per la comunità ebraica nel suo insieme. “.
Prima di continuare la nostra argomentazione, ci dispiace che il memorandum esplicativo si riferisca a Israele come “una comunità formata da cittadini ebrei”. Circa il 20% della popolazione israeliana è costituita da cittadini palestinesi, la maggior parte dei quali musulmani o cristiani.

La designazione scelta nasconde e nega la loro esistenza. Riteniamo questo approccio molto problematico, tenendo anche conto dell’impegno del vostro paese per una definizione di cittadinanza francese che non si basa sull’etnia. Le nostre opinioni sul sionismo possono essere diverse, ma noi tutti noi, compresi quelli che si considerano sionisti, crediamo che quest’associazione sia fondamentalmente falsa. Per i molti ebrei che si considerano anti-sionisti, quest’equiparazione è profondamente offensiva: l’antisionismo è un punto di vista legittimo nella storia ebraica e ha una lunga tradizione, anche in Israele. Alcuni ebrei si oppongono al sionismo per motivi religiosi, altri per motivi politici o culturali. Molte vittime dell’Olocausto erano antisioniste.

Il progetto di risoluzione disonora e offende la loro memoria, considerandoli retroattivamente come antisemitici. Movimento politico oppressivo Per i palestinesi, il sionismo rappresenta espropriazione, sfollamento, occupazione e disuguaglianze strutturali. È cinico stigmatizzarli come antisemiti perché si oppongono al sionismo. Si oppongono al sionismo non per odio nei confronti degli ebrei, ma perché vivono il sionismo come un movimento politico opprimente. Farlo mostra una grande insensibilità e un doppio standard, sapendo che Israele nega il diritto alla Palestina di esistere e mina la sua stessa esistenza.
Non vi è dubbio che vi siano antisemiti tra le persone che si oppongono al sionismo. Ma ci sono anche molti antisemiti che sostengono il sionismo. È quindi inappropriato e del tutto inesatto identificare generalmente l’antisemitismo e l’antisionismo. Confondendo questi due fenomeni, l’Assemblea nazionale comprometterebbe gli sforzi vitali per combattere il vero antisemitismo, che è multidimensionale e proviene da diversi settori della società francese.

La nostra seconda obiezione è che la risoluzione approva la definizione di antisemitismo dell’International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA). Questa definizione è altamente problematica. La risoluzione afferma che la definizione “consente di identificare nel modo più preciso possibile l’antisemitismo contemporaneo“. In realtà, tuttavia, la definizione non è chiara e poco chiara, e quindi non è uno strumento efficace per combattere l’antisemitismo. D’altro canto, in Francia esiste già una legislazione per combattere e perseguire efficacemente l’antisemitismo.

La nota esplicativa della proposta di risoluzione indica che la definizione IHRA “non riconosce la critica alle politiche dello Stato di Israele come antisemita”. In realtà, tuttavia, diversi “esempi contemporanei di antisemitismo” sono stati aggiunti alla definizione che combina intenzionalmente critica e opposizione alle politiche dello Stato di Israele all’antisemitismo. Questi esempi sono presentati e considerati parte della definizione. Secondo gli esempi e il modo in cui vengono applicati, è sufficiente criticare Israele in un modo che viene percepito come diverso da ciò che viene fatto per altri paesi, essere considerato antisemita. È sufficiente essere a favore di una soluzione binazionale o democratica al conflitto israelo-palestinese, per essere considerato antisemita.

Lo stesso vale quando Israele è accusato del suo razzismo istituzionalizzato. Non possiamo certamente essere d’accordo con queste affermazioni. Ma queste opinioni sono considerate legittime e protette dalla libertà di espressione in qualsiasi altro contesto politico. Pertanto, la risoluzione crea un doppio standard ingiustificabile a favore di Israele e dei palestinesi. La definizione IHRA è già utilizzata per stigmatizzare e mettere a tacere i critici dello Stato di Israele, tra cui diritti umani ed esperti rispettati. Questa situazione è stata condannata da eminenti specialisti dell’antisemitismo. L’avvocato americano Kenneth Stern, uno degli autori originali della definizione IHRA, ha anche messo in guardia dall’utilizzare questa definizione per minare la libertà di espressione.

Strumentalizzazione

La domanda chiave è: perché succede tutto questo? Non possiamo considerarlo come indipendente dalla principale agenda politica del governo israeliano per radicare la sua occupazione e annessione della Palestina e per mettere a tacere qualsiasi critica. Per anni, il governo israeliano ha Il primo ministro Benjamin Netanyahu denuncia come antisemita ogni opposizione alla sua politica. Lo stesso Netanyahu ha difeso con forza l’assimilazione dell’antisionismo all’antisemitismo, nonché la definizione di IHRA. Ciò dimostra come la lotta contro l’antisemitismo sia stata strumentalizzata per proteggere il governo israeliano ed è preoccupante constatare che questi sforzi del governo israeliano trovano sostegno politico, persino in Francia. Invitiamo l’Assemblea nazionale a combattere l’antisemitismo e tutte le forme di razzismo, ma senza aiutare il governo israeliano nel suo programma di occupazione e annessione

“Non confondere il razzismo con la legittima critica di uno stato” Questa proposta di risoluzione non è un modo credibile ed efficace per raggiungere questo obiettivo. L’antisemitismo deve essere combattuto su base universale, insieme ad altre forme di razzismo e xenofobia, per combattere l’odio. L’abbandono di questo approccio universalista porterà a una maggiore polarizzazione in Francia, il che comprometterebbe anche la lotta all’antisemitismo, in questo contesto notiamo che la proposta di risoluzione è anche in contraddizione con la posizione della Commissione consultiva nazionale. Diritti umani (CNCDH). Nel suo rapporto del 2018 sulla lotta contro il razzismo, il CNCDH ha avvertito che la definizione di IHRA potrebbe indebolire l’approccio universale francese alla lotta contro il razzismo e ha insistito “sulla vigilanza per non confondere il razzismo e legittima critica di uno stato e della sua politica “. Invitiamo l’Assemblea Nazionale a non sostenere una risoluzione che erroneamente identifichi l’antisionismo con l’antisemitismo. Non appoggiare una risoluzione che approva la definizione politicizzata di antisemitismo dell’IHRA, specialmente se lo fa senza prendere le distanze dagli esempi problematici di definizione che riguardano Israele

Primi firmatari: Jean-Christophe Attias, professore e titolare della cattedra del pensiero ebraico medievale, Ecole pratique des hautes études, Università di Parigi Sciences Lettres; Jane Caplan, Professore emerito di storia europea moderna, Università di Oxford; Alon Confino, Professore, Direttore, Institute of Holocaust, Genocide and Memory Studies, University of Massachusetts; Tamar Garb, professore di storia dell’arte, direttore dell’Institute of Advanced Studies in Humanities and Social Sciences, University College, Londra; Sonia Dayan-Herzbrun, Professore emerito, Facoltà di Scienze sociali, Università Paris-Diderot; Amos Goldberg, Professore, Dipartimento di Storia dell’ebraismo e dell’ebraismo contemporaneo, Università ebraica di Gerusalemme; David Harel, Professore, Dipartimento di Informatica e Matematica applicata, Weizmann Institute of Science, Parigi; Amnon Raz-Krakotzkin, professore di storia ebraica, Università Ben-Gurion del Negev; Alice Shalvi, Professore emerito, Dipartimento di inglese, Università ebraica di Gerusalemme e Università Ben-Gurion del Negev; Joan Wallach Scott, Professor Emeritus, Institute for Advanced Study, Princeton; David Shulman, Professore, Dipartimento di Studi asiatici, Hebrew University of Jerusalem; Zeev Sternhell, Professor Emeritus, Hebrew University of Jerusalem.

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *