Il rugbista Sonny Williams non indossa la maglia: sponsorizza le scommesse

Sonny Bill Williams, star del rugby, musulmano ed ex All Blacks, ha rifiutato di indossare la divisa della Super League con un logo sponsorizzato da una società di scommesse a causa delle sue convinzioni religiose, il gioco d’azzardo è proibito dall’Islam.

Il 34enne Williams, che ha lasciato il rugby della Nuova Zelanda dopo la Coppa del Mondo in Giappone, ha firmato un contratto biennale da 10 milioni di dollari con il club britannico Super Wolf della British League Toronto Wolfpack nel novembre 2019.

Toronto Wolfpack è sponsorizzato dalla società di scommesse britannica Betfred dal 2017. Williams ha rifiutato di indossare la divisa con il logo di Betfred perché il gioco d’azzardo e le scommesse sono vietati dall’Islam, così come altre pratiche come l’interesse sul denaro o il consumo di alcolici. 

Williams ha dichiarato al riguardo: Man mano che imparo di più e sviluppo una migliore comprensione della mia fede e meno mi sento a mio agio nel fare le cose che facevo una volta. Quindi, mentre un logo su una maglia può sembrare una cosa piccola per alcune persone, ma per me è importante fare la cosa giusta per quanto riguarda la mia fede e spero che la gente lo rispetti” 

Il presidente di Toronto Bob Hunter e il resto della squadra hanno appoggiato la sua decisione.

“Penso che Betfred trarrà beneficio da questa cosa dimostrando che rispettiamo e onoriamo le credenze religiose del giocatore”, ha dichiarato Hunter al quotidiano britannico Telegraph.

“Nella società di oggi ci sono alcune questioni molto delicate, ma penso che lo sponsor possa dire: sì, ok, lo capiamo. È un grande marchio e un grande nome” ha aggiunto.

Williams aveva già dimostrato la sua sensibilità religiosa coprendo il logo della Bank of New Zealand sulla sua maglia del kit Auckland Blues con il permesso della federazione di rugby della Nuova Zelanda.

La mia obiezione all’abbigliamento che commercializza banche, alcolici e compagnie di gioco d’azzardo è fondamentale per le mie convinzioni religiose ed è importante per me che mi sia stata concessa questa esenzione, ha detto Williams all’epoca.

Resta da vedere se il Club gli consentirà una divisa del Wolfpack Toronto personalizzata senza il logo Betfred.

Williams, che si è convertito all’Islam nel 2009, ha recentemente parlato di questioni sociali e razzismo in una conferenza stampa inoltre ha preso posizione pubbicamente contro la repressione della Cina nei confronti della minoranza musulmana uigura.

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *