Cosa c’entrano evangelici e Apocalisse col Piano Trump per la Palestina

Il “piano di pace” degli Stati Uniti è stato preparato in linea con gli scopi politici della lobby israeliana, mentre gli evangelici statunitensi attendono la fine del mondo.

“Starò sempre con Israele e il popolo ebraico”, “Ho fatto molto per Israele; oh spostato l’ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme e poi ho riconosciuto che le alture del Golan appartengono a Israele”. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump il mese scorso ha annunciato il “piano di pace in Medio Oriente”, piano unilaterale che ha descritto come il “piano di pace del secolo”.

Ecco in cosa consiste il piano di pace di  Trump

Con queste parole, ha spiegato il suo cosiddetto piano di pace che offre a Israele tutto ciò che ha sempre desiderato; distruggere la soluzione dei due stati, spogliare la Palestina di tutti i suoi diritti e, di conseguenza, isolare il popolo palestinese a un livello senza precedenti.

A seguito dell’annuncio, il piano è attualmente in discussione con i suoi aspetti storici, politici, geo-politici e demografici. A questo proposito, il focus principale di questi dibattiti è il desiderio di Trump di mantenere il sostegno dei cristiani evangelici e della lobby ebraica in vista del recente voto di impeachment, che lo ha messo politicamente alle strette. 

Gli aspetti teo-politici e apocalittici alla base di questo piano sono stati trascurati dal dibattito pubblico internazionale. 
Possiamo affermare che gli Stati Uniti, le politiche e i piani dell’amministrazione di Trump e del vicepresidente Pence sul mondo islamico e sul Medio Oriente si concentrano essenzialmente sui seguenti due fattori: il primo sono gli interessi economici e il secondo è, insieme al sostegno degli ebrei e della lobby ebraica, la realizzazione  degli scopi teo-politici degli evangelici fondamentalisti radicali negli Stati Uniti, i cui numeri attualmente superano i 100 milioni e i cui voti sono determinanti per accedere al potere negli USA.

Si può affermare positivamente che senza avere una piena comprensione della teo-politica del sionismo ebraico e cristiano verso Gerusalemme, gli approcci apocalittici che definiscono questa teo-politica e l ‘”orientalismo politico” che finisce tutto nel calderone della politica nella regione, non si possono comprendere le mosse degli Stati Uniti e degli ebrei-evangelici su Gerusalemme, che il Sacro Corano definisce “i cui dintorni abbiamo benedetto”. Il motivo è il seguente: i dibattiti su Gerusalemme sono strettamente intrecciati con approcci apocalittici come “la fine del mondo – l’Apocalisse” “Armageddon – millennio (1.000 anni di paradiso in terra)” che si trovano nei testi sacri del Giudaismo , Cristianesimo e Islam.

Trump e Pence hanno preso tre importanti decisioni teo-politiche su Gerusalemme, decisioni apocalittiche, confermando la nostra tesi. In questo senso, è utile ricordare lo storico delle religioni  Justin McCarthy: “Non esiste un fenomeno al mondo che non abbia nulla a che fare con la religione”.
Questa situazione è molto più esplicita nel caso degli Stati Uniti, in cui esiste un tasso di religiosità del 70-80%, rispetto a quello dell’Europa, dove circa il 70% delle persone si sta allontanando dalla religione / dalla chiesa, in particolare nelle regioni settentrionali.

Teo-politica e apocalittici di Gerusalemme degli evangelici sionisti e di Trump

L’influenza della teo-politica e degli apocalittici evangelici è esplicitamente visibile nelle decisioni e nei piani del duo di Trump-Pence per Gerusalemme. Anche il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha sottolineato la questione affermando che “gli evangelici sono alla base di questa decisione, me l’ha detto il presidente Trump in persona”.

Durante la sua presidenza, Trump ha spostato l’ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv a Gerusalemme, dopo di che ha riconosciuto l’occupazione israeliana delle alture del Golan. Questa decisione è in stretta relazione con la questione Gerusalemme. Per questa ragione, è evidente che il cosiddetto “piano di pace del secolo” di Trump è stato preparato in linea con gli scopi teo-politici degli evangelici e della lobby israeliana.
Questo percorso, che conduce gli ebrei sionisti verso le “terre promesse” e i cristiani sionisti verso l’ideale del millennio, il “Paradiso in terra” di Gesù a Gerusalemme, solleva la questione di quale sarà il prossimo passo teo-politico concreto.

L’apocalittica di Gerusalemme

Per comprendere la teo-politica di Trump-Pence e quindi degli evangelici su Gerusalemme, è imperativo comprendere l’idea apocalittica della fine del mondo che troviamo nei libri sacri dell’ebraismo e del cristianesimo. Quest’idea è presente anche nelle fonti islamiche ed è indicata come “fiten-melahim” e “esratu’s-saa”.

Le parole “apocalisse” e “apocalittico” sono usate per spiegare vari fenomeni cosmici. La radice di questa parola deriva dal greco “apokalypsis”, che significa “scoprire qualcosa che è nascosto”. Sebbene il suo uso nel contesto della “distruzione della calamità” e dell’agitazione possa essere trovato nel Libro di Giovanni nel Nuovo Testamento, dopo l’11 d.C. tutti i libri ebraici e cristiani che assomigliano alla comprensione dell’apocalisse del Nuovo Testamento hanno usato questo significato.

Secondo le narrazioni apocalittiche definite da F. Rosenthal come “la storia del futuro”, Dio spiegò i segreti della fine del mondo agli eletti. La fine era vicina e gli eletti dovevano insegnare alla gente a riguardo. Questi eletti impararono i segreti attraverso visioni e sogni e li scrissero. In questo senso, insieme ai tanto rispettati capitoli e passaggi della sacra Scrittura, all’interno della tradizione giudaico-cristiana è stata creata una vasta letteratura apocalittica.

Per gli evangelici sionisti, questo approccio è legato al millennio (1.000 anni di Paradiso in terra) che si ritiene sia destinato venire dopo l'”Armageddon”, la Grande Guerra dell’Apocalisse. Secondo gli evangelici, una delle fasi transitorie necessarie per raggiungere il millennio è la congregazione di tutti gli ebrei in Israele-Palestina. Una volta realizzato questo stadio, si ritiene che l’ultimo stadio sia l’arrivo di Gesù, che ordina agli ebrei di convertirsi al cristianesimo. Credono che alcuni di loro acconsentiranno a ciò, mentre quelli che non lo faranno periranno.

Questo è uno dei motivi principali alla base delle decisioni dell’evangelico Mike Pence su Gerusalemme e, di conseguenza, del cosiddetto piano di pace. Sebbene ci siano sfumature tra loro, le sette evangeliche sono considerati i gruppi più fondamentalisti e radicali di tutti i cristiani. Interpretano alcuni passaggi escatologici-apocalittici del Nuovo Testamento e della Bibbia nel senso più letterale e virtuale possibile. Per questo motivo ci sono alcuni approcci che li paragonano con i “salafiti estremisti”.

“Presidente donato da Dio”

Tra questi gruppi evangelici e islamofobi sionisti, che operano attivamente all’interno di organizzazioni apparentemente della società civile, ci sono Jerry Falwell, Jr. (presidente della pionieristica scuola evangelica Liberty University), Johnnie Moore, Sarah Palin, Billy Graham, Joyce Meyer, Pat Robertson e Tim Keller. In questo contesto, le organizzazioni evangeliche e le organizzazioni della società civile come Focus on the Family, Family Research Council, Christian Coalition e Moral Majority – l’ultima fondata dal defunto Jerry Falwell, una delle figure più significative nell’ala destra cristiana con un grande seguito che supporta Israele – stanno effettivamente operando sul campo.

Tra questi gruppi vi è un gran numero di cristiani evangelici che vedono Trump come il “presidente donato da Dio”. Ad esempio, David Barton, il capo di un gruppo chiamato “Costruttori di muri” che lavorano per far sì che il governo degli Stati Uniti aderisca pienamente ai valori del Nuovo Testamento / Cristiano-evangelici, ha dichiarato: “Trump è un candidato che ci è stato conferito da Dio e Dio ha ci ha mostrato attraverso di lui che non avremo successo se saremo soli. Sono certo che dopo alcuni anni con Trump guarderemo indietro e diremo “quest’uomo ha raggiunto cose che nessuno di noi pensava fosse possibile prima”.

A causa di queste idee, gli evangelici vengono talvolta definiti” cristiani sionisti “” i talebani americani “e” estrema destra “anche negli Stati Uniti. In effetti, sono noti per aver annunciato il “manifesto del sionismo cristiano” circa 10 anni prima che Theodore Herzl radunasse il primo congresso sionista (1897). Quasi l’85% degli evangelici che agiscono in conformità con questo manifesto crede che Dio abbia dato Israele agli ebrei. Questo tasso è di circa il 40% anche tra gli ebrei negli Stati Uniti.

Ciò dimostra che, in termini di approccio a Gerusalemme, gli evangelici hanno alimentato più ideali e credenze teo-politiche e apocalittiche rispetto agli ebrei negli Stati Uniti. Il fatto che i cristiani evangelici sostengano uno stato ebraico a Gerusalemme è piuttosto notevole, poiché se consideriamo il fatti storici e teologici, possiamo ricordare che il padre fondatore del protestantesimo Martin Lutero descrisse gli ebrei come uno dei suoi tre più grandi nemici (gli altri due erano turchi / musulmani e il papa).

Questo sostegno può essere spiegato solo attraverso convinzioni e motivazioni teopolitiche e apocalittiche. Come sottolineato sopra, secondo alcuni cristiani l’arrivo di Cristo e del millennio, “1.000 anni di paradiso in terra”, può essere possibile solo se gli ebrei possono trovare il proprio stato a Gerusalemme e ricostruire il Tempio di Salomone, il loro tempio principale.

Sebbene le interpretazioni degli ebrei su questo obiettivo apocalittico differiscano per natura, questa cooperazione teo-politica lavora a loro vantaggio fino a quando non raggiungono ideali propri. Gli evangelici credono che coloro che si oppongono a questa credenza apocalittica e al piano di Gerusalemme ideato da quella stessa credenza siano “Anticristi” e “Gog e Magog”.

“Anticristo” e “Gog e Magog”

Il recente libro di Craig C. White Halfway to Armageddon (High Time to Awake) può essere considerato un esempio di questa convinzione apocalittica e delle sue riflessioni. In questo libro, il presidente Erdogan è preso di mira perché ha mostrato la reazione più efficace ai piani teo-politici riguardanti il ​​mondo musulmano, in particolare Gerusalemme. Con riferimenti ad alcuni versetti della Bibbia, Erdogan è chiamato l’Anticristo e Gog / Magog (nemici del tempo di Dio). Craig tenta di creare prove apocalittiche per questa affermazione citando passaggi biblici escatologici e apocalittici dell’Antico e del Nuovo Testamento da libri come Daniele, Ezechiele, Isaia e Rivelazioni.

Storicamente, ogni volta che i musulmani sconfiggono i cristiani, i forti leader musulmani dell’epoca sono definiti “l’Anticristo”. In questo senso, Salahaddin Ayyubi alla conquista di Gerusalemme, Mehmed II alla conquista di Costantinopoli e Solimano il Magnifico dopo aver inviato truppe ottomane in profondità alle porte di Vienna sono tutti definiti “Anticristi”. Naturalmente, dopo la rivelazione dell’Islam, i primi documenti scritti dai padri della chiesa e in tutti i dibattiti contro l’Islam nel corso del Medioevo, il profeta Maometto fu anche chiamato Anticristo, insieme a tutti gli altri tipi di definizioni atroci.

Presidenti degli Stati Uniti e teo-politica di Gerusalemme

È utile ricordare gli altri presidenti americani che hanno sostenuto Israele negli aspetti religiosi e teo-politici. Ad esempio, il presidente Woodrow Wilson (1913-1921) ai tempi della Dichiarazione Balfour (1917), che aprì la strada alla creazione di Israele, era noto come presbiteriano e un fermo sostenitore della dichiarazione. Figlio di un sacerdote evangelico, Wilson, ha riferito di aver creduto che le terre sante dovessero essere conquistate dal legittimo popolo ebraico e che avesse un ruolo vitale da svolgere in questo processo. Un altro esempio potrebbe essere Harry Truman, presidente nel 1945-1953 e intorno ai tempi della fondazione di Israele nel 1948. Si considerava Ciro II, menzionato nella Bibbia come il salvatore degli ebrei, e quindi attribuiva particolare importanza a la fondazione dello stato di Israele.

Oggi anche gli evangelici paragonano Trump al Ciro II. Dopo che il re di Babele Nabucodonosor invase Gerusalemme nel 586 a.C., demolì il Tempio di Salomone e mandò in esilio 70.000 ebrei in Mesopotamia-Babilonia (la prima diaspora ebraica), ebrei dovettero vivere in cattività per 60 anni. Dopo tutto, Ciro II è il re che salvò gli ebrei da questa prigionia e permise loro di tornare a Gerusalemme e ricostruire il Tempio di Salomone; quindi il confronto entusiasta con Trump.

Anche i presidenti successivi Lyndon B. Johnson (1963-1969) e Ronald Reagan (1981-1989) avevano opinioni simili. Inoltre, sia il presidente che il padre Bush hanno distrutto e demolito l’Iraq con politiche che possono essere considerate nello stesso contesto, che deriva anche dalla stessa logica della teopolitica israeliana e di Gerusalemme.

Di conseguenza, se il mondo musulmano non reagisce rapidamente e agisce contro il piano di Gerusalemme di Trump, che può essere descritto come la “Dichiarazione neo-Balfour” e ha un forte background teo-politico e apocalittico, è destinato alla distruzione e all’ulteriore violenza.

Se guardiamo indietro, ricorderemo che l’Organizzazione per la cooperazione islamica (OIC) è stata fondata dopo che un integrista cristiano Dennis Michael Rohan, un membro della setta Church of God, ha dato fuoco alla moschea Al-Aqsa di Gerusalemme. A quel tempo, Gerusalemme divenne un punto d’incontro del mondo musulmano e lo riunì. E oggi, se verranno prese le misure necessarie per aumentare la consapevolezza dei piani teo-politici, apocalittici ed orientalisti verso il mondo musulmano, Gerusalemme conserverà il suo potenziale per riunire nuovamente il mondo musulmano.

 

Articolo di Ozcan Hidir* pubblicato su Anadolu Agency

*Ozcan Hidir è professore all’Università Sabahattin Zaim di Istanbul

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *