Contro il Covid in Somalia 170 medici formati dall’Italia

Somalia, la formazione COVID-19 passa attraverso le Università italiane: Mogadiscio in collaborazione con l’Italia. Una grande iniziativa, promossa dall’Aics italiano (Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo). 

Nell-ambito della lotta contro il COVID-19 in Somalia, la salute dei cittadini di Mogadiscio può contare su almeno 170 medici e operatori in prima linea formati, attraverso seminari online, da esperti e professori di un consorzio di università italiane, da Federico II di Napoli a quello di Brescia.

Cooperazione Somalia-Italia Covid-19

L’iniziativa di formazione su COVID 19, promossa dall’Aics (Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo) in Somalia, rappresenta un grande passo verso utili standard di soccorso.

La soddisfazione del rappresentante Aics italiano a Mogadiscio

“Ieri abbiamo tenuto una lezione sulle malattie polmonari, con un’analisi anatomico-patologica del danno causato in particolare da COVID-19 a livello cellulare e sistemico”. Questo è quanto riporta Guglielmo Giordano, rappresentante dell’Aics italiano a Mogadiscio.“Oggi, tuttavia, iniziano tre moduli clinico-terapeutici, forse i più attesi. Attesi non solo nella capitale ma anche da coloro che seguono collegati nelle posizioni stabilite negli altri stati del Paese ”.
Il corso è promosso dalla Cooperazione Italiana insieme alla Somali National University e ad una rete di università sostenute dall’UNESCO.
Secondo Giordano, l’impegno è quello di continuare e approfondire un percorso iniziato anni fa, incentrato sul diritto alla salute e alla formazione.“Dal 2015, sosteniamo il rilancio della Somali National University, che ha chiuso dopo la fine del regime di Siad Barre nel 1991”, ha dichiarato il rappresentante di Aics “.
“Nel corso degli anni abbiamo aperto nuovi corsi e abbiamo chiesto aiuto alle università italiane. Si sono mossi improvvisamente e si sono attivati ​​con un’unione che coinvolge le migliori facoltà e talenti. ” Una delle sfide sarebbe quella di dotare la pubblica amministrazione di giovani quadri in grado di sostituire gli attuali dirigenti, laureati prima del 1991 e vicini alla pensione ”.Insegnanti ed esperti di molte università partecipano al seminario. Dall’Università La Sapienza a Roma Tre, da Firenze al Politecnico di Milano e Torino, da Tor Vergata a Roma al dipartimento medico dell’Università di Pavia.

Addestramento COVID-19 in Somalia, il rischio di attacchi terroristici

L’organizzazione logistica non è scontata. “Anche prima del COVID-19, con la Somalia tra i paesi più colpiti nel Corno d’Africa, c’erano problemi di spostamento a causa del rischio di attacchi terroristici”, ha affermato Giordano.“Per questo motivo, una sala conferenze è stata affittata in uno degli hotel più sicuri di Mogadiscio, dove 37 persone hanno seguito ieri i corsi; poi sono state collegate 43 stazioni in tutta la Somalia, con la partecipazione dei medici in prima fila nelle strutture riconosciute anti-COVID “.

Tra questi, l’Ospedale Giacomo De Martino, costruito dagli italiani durante il periodo coloniale, che divenne il centro di riferimento nazionale anti-coronavirus.

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.