Ismail al Jazari, l’uomo che nel Medioevo inventò i primi robot

La sua conoscenza dell’automazione nel XII secolo ha ispirato diverse generazioni di scienziati a portare avanti la sua arte e ad entrare in un’era di robotica.

“I robot stanno arrivando” è diventato un tormentone. Ha una risonanza interculturale perché l’automazione e l’intelligenza artificiale hanno avuto un reale effetto dirompente sul mercato del lavoro in tutto il mondo. Ma non c’è nulla di nuovo nell’interazione umana con la meccanizzazione. Infatti, risale a diversi secoli fa, quando molti grandi pensatori del tempo furono accreditati per aver immaginato oltre il loro tempo ed effettivamente per aver gettato le basi dell’automazione.

Ismail al Jazari, l’uomo che inventò i primi robot

Durante il Medioevo, si sono compiuti dei passi da gigante in ciò che oggi è qualificato come il campo della robotica. Un uomo di nome Ismail al Jazari originario di Diyarbakır città oggi in Turchia, è stato accreditato per aver inventato i dispositivi che sono stati i precursori dei robot di oggi.

L’energia idroelettrica

Jazari ha lavorato con dispositivi ad acqua, tra cui le sofisticate pompe che fornivano l’acqua a case e fattorie, oltre a pavoni e orologi ornati di elefanti i quali erano alimentati dall’energia idroelettrica. 

Rappresentazione di un lavandino a forma di pavone che funzionava con dei galleggianti (in rosso) legati a delle corde
L’orologio con elefante di Al-Jazari
Il funzionamento dell’orologio di Al-Jazari

L’orologio funzionava in base al numero di ore. L’alba è mostrata su un disco nero d’argento nella parte superiore dell’orologio, e la scala dei minuti è mostrata dalla penna degli scribi. Il movimento dell’orologio è regolato da un intestino galleggiante perforato, un meccanismo accuratamente realizzato che si trova in una vasca all’interno del corpo dell’elefante modello. Mentre la ciotola si immerge lentamente per oltre mezz’ora, si muove tramite una carrucola. Sia lo scriba modello che la penna sono attaccati ad esso e questo mostra la sequenza dei minuti. Ciò quindi si ripete ogni mezz’ora.

Per molti storici della scienza, l’invenzione di Jazari offre una vasta gamma di istruzioni in ingegneria meccanica che nessun altro documento proveniente da alcuna area culturale ha mai fornito.

“L’impatto di queste invenzioni può essere visto nella successiva progettazione di motori a vapore e motori a combustione interna, aprendo la strada al controllo automatico e ad altri macchinari moderni. L’impatto delle invenzioni di al-Jazari è ancora percepito nella moderna ingegneria meccanica contemporanea”, ha scritto lo storico scientifico del XX secolo Donald R. Hill nei suoi “Studies in Medieval Islamic Technology” (Studi sulla tecnologia islamica medievale)

Rabota, servitù del lavoro forzato

La parola robot è abbastanza nuova nella lingua inglese. Secondo lo storico scientifico americano Howard Markel, le origini del termine potrebbero risalire a una commedia ceca chiamata “Rossum’s Universal Robots” (“I robots universali di Rossum”) scritta dal famoso drammaturgo Karel Capek nel 1921.

Tuttavia le origini più remote del termine risalirebbero a una parola nell’antico slavo ecclesiastico, “Rabota”, che secondo Markel significa “servitù del lavoro forzato”.

“La parola è simile in tedesco, russo, polacco e ceco. Ed è un concetto derivante dal sistema di servitù dell’Europa centrale, in cui l’uso della terra era pagato con una corvè ai nobili”, ha detto Markel a NPR.

La scienza della robotica

Il pionierismo dell’automazione di Jazari e l’evoluzione della “rabota” slava in robot, sono due affascinanti viaggi che si fondono nel moderno mondo della robotica. Ma il mondo non ha mai dato il dovuto merito alle imprese ingegneristiche di Jazari, dato che la robotica è considerata una scienza moderna inventata dall’uomo in tempi moderni.

La mostra al Museo Jazari di Istanbul

Per colmare un divario storico tra il lavoro di Jazari e l’attuale robotica basata sull’intelligenza artificiale, l’anno scorso il Museo Jazari di Istanbul ha ospitato una mostra dedicata all’inventore musulmano.

La mostra Extraordinary Machines ha presentato l’orologio originale ad acqua di Jazari, il sistema di sollevamento dell’acqua a quattro secchi, l’iconico orologio a forma di elefante e altre opere.

Nato nel 1136 nella provincia di Diyarbakir, nel sud-est della Turchia, Jazari trascorse venticinque anni lavorando sotto tre Sultani Artuqidi: Nureddin, Kutbuddin e negli anni successivi, Nasireddin.

The Book of Knowledge of Ingenious Mechanical Devices

Colpito dalle invenzioni e dai dispositivi meccanici di Jazari, Sultan Nasireddin gli consigliò di annotare le sue invenzioni con illustrazioni dettagliate e di trasmetterle alle generazioni successive.

Grazie al consiglio di Nasireddin, Jazari produsse The Book of Knowledge of Ingenious Mechanical Devices (Il libro sulla conoscenza dei dispositivi meccanici ingegnosi) nel 1206, che era probabilmente una delle raccolte metodiche più complete e qualificate della conoscenza odierna di dispositivi automatizzati, robotica e meccanica.

Otto secoli dopo, nel 1974, lo storico britannico Donal Hill, che era anche un ingegnere , ha tradotto il libro di Jazari dall’arabo all’inglese.

Mentre lavorava al progetto del libro, Hill ha affermato che il lavoro di Jazari nella storia dell’ingegneria “fornisce una vasta gamma di istruzioni per la progettazione, la produzione e l’assemblaggio di macchine”.

Hill ha osservato che molte macchine, meccanismi e tecniche introdotte da Jazari, sono state successivamente emulate dagli ingegneri europei e quindi hanno trovato la loro strada nella letteratura europea dell’ingegneria meccanica.

La maggior parte delle macchine e dei metodi che sembravano essere più ereditati, erano quelli come pompe a doppio effetto con tubi di aspirazione, l’uso di un albero a gomiti, la calibrazione degli orifizi, la laminazione del legno per ridurre la deformazione, il bilanciamento statico delle ruote, l’uso di modelli di carta per stabilire un design, la fusione di metalli in scatole di stampo chiuse con sabbia verde, tra gli altri.

Dettaglio dell’orologio con elefante, dove si nota il meccanismo grazie al quale la figura del cavaliere colpisce la testa dell’animale ogni 30 minuti

Su suggerimento del principe persiano Nāsir al-Dīn Maḥmūd (r. tra il 1200 e il 1222), iniziò la composizione del suo libro monumentale al fine di registrare le sue invenzioni. Il compito fu completato nel 1206.

La morte pochi mesi dopo il completamento dell’opera

Scritto in arabo, il trattato fu un compendio sulla teoria e la pratica delle arti meccaniche. Questo è l’unico scritto lasciato da al-Jazarī, conosciuto in più copie manoscritte. Il libro è il più ampio trattato di ingegneria meccanica scritto fino all’epoca dell’autore e non solo. Secondo il manoscritto conservato presso la Bodleian Library di Oxford (MS Graves 27) , al-Jazari finì di scrivere il suo libro nel gennaio 1206. D’altro canto, il colophon del ms Ahmet III, 3472, scritto il 10 aprile 1206, ci dice che al-Jazarī era già morto in questa data. Pertanto, la sua morte deve essere avvenuta agli inizi del 1206, pochi mesi dopo il completamento della sua monumentale enciclopedia di arti meccaniche.

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.