Si intensifica la pulizia etnica di Gaza: Israele intima a 2 milioni di Gazawi di ammassarsi nell’area di Rafah, confinante col Sinai


Nelle ultime ore , il conflitto in Palestina ha raggiunto un nuovo livello di intensità, lasciando il popolo palestinese intrappolato nel fuoco incrociato. La situazione ha preso una svolta straziante, con un’allarmante escalation di violenza dopo la tregue interrotta da Israele e accompagnata dall’ordine israeliano ai palestinesi di ammassarsi nell’area di Rafah, confinante con l’Egitto.

Al centro di questa crisi c’è lo sfollamento forzato di 2,2 milioni di palestinesi ammassati al confine di Rafah con l’Egitto. Le terribili condizioni che devono affrontare non sono solo il risultato delle ostilità in corso, ma anche una conseguenza di una pulizia etnica già denunciata da molti esperti ed analisti e dichiarata dalla leadership israeliana e istituti di ricerca israeliani vicini al governo di Netanyahu.

I palestinesi si ritrovano ora più che mai intrappolati in un ciclo di violenza che ha conseguenze devastanti. Ciò che è particolarmente allarmante è la spinta di questi palestinesi verso il Sinai, una mossa che esacerba la già terribile crisi umanitaria aumentando di giorno in giorno il rischio della realizzazione di una seconda Nakba. 

La pulizia etnica, come testimonia lo sfollamento forzato al confine di Rafah, costituisce una grave violazione del diritto internazionale e va contro i principi di giustizia e uguaglianza. 

 La difficile situazione dei 2,2 milioni di palestinesi al confine di Rafah sottolinea la necessità di un’azione urgente per affrontare le cause profonde del conflitto e garantire un futuro giusto e dignitoso al popolo palestinese.