Macron: il diritto alla blasfemia è un tesoro

Emmanuel Macron ha ribadito che in Francia esiste il “diritto alla blasfemia” e quello di “criticare le religioni”, difendendo Mila, la ragazza francese al centro di una polemica per aver pesantemente insultato l’Islam sui social. 

La ragazza è in seguito alle sue offese è stata oggetto di insulti e minacce da parte di molti utenti e la sua vicenda è divenuta terreno di scontro politico in Francia dopo le dichiarazioni del Ministro della Giustizia Nicole Belloubet secondo cui l’insulto alla religione “è” un attacco alla libertà di coscienza “, dichiarazioni che il ministro ha successivamente corretto.

La legge è chiara: abbiamo il diritto alla blasfemia, alla critica, alle caricature sulle religioni”, ha affermato Emmanuel Macron.

Emmanuel Macron aveva già menzionato la “libertà di blasfemia” durante un viaggio al festival del fumetto di Angoulême, il 30 gennaio: “Nel nostro paese la libertà di espressione è protetta, in questo paese, e su questo ci sono pochi paesi come la Francia, la libertà della blasfemia è garantita così come è permesso criticare i leader e anche deriderli e questo è un tesoro ”.

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *