#Coronavirus: Cina e Russia chiedono la fine delle sanzioni all’Iran

 La Cina e la Russia hanno chiesto agli Stati Uniti di revocare immediatamente le sanzioni all’Iran per permettere al Paese di affrontare l’emergenza Coronavirus. L’Iran è il paese più colpito in Medio Oriente  con oltre 14.000 casi confermati e più di 800 morti.

Lunedì, il ministero degli Esteri cinese ha chiesto agli Stati Uniti di revocare le sanzioni all’Iran, dicendo che queste stavano vanificando gli sforzi di Teheran per contrastare la pandemia di Coronavirus. 

Esortiamo gli Stati Uniti a revocare immediatamente sanzioni unilaterali all’Iran. Le sanzioni continue ostacolano la risposta dell’Iran all’epidemia e la consegna di aiuti umanitari, ha detto il portavoce Geng Shuang.

Il ministero degli Esteri russo ha fatto un annuncio simile, definendo le sanzioni “anti-umane”.

“Le sanzioni unilaterali illegali statunitensi, imposte da maggio 2018 nell’ambito della campagna di “massima pressione”, rappresentano un grave ostacolo alla lotta efficace contro l’infezione”, ha affermato il ministero degli Esteri russo.

Persi circa $ 200 miliardi dall’inizio delle sanzioni

Il governo iraniano ha ripetutamente affermato che da quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha iniziato a istituire sanzioni contro Teheran, il paese ha perso circa $ 200 miliardi di entrate e investimenti in valuta estera.

Il disperato bisogno di fondi, forniture mediche e materiale per contenere la malattia

Il presidente iraniano Hassan Rouhani e il ministro degli esteri Javad Zarif hanno entrambi inviato lettere a leader di diversi paesi chiedendo alla comunità internazionale di “ignorare le inumane sanzioni statunitensi”.

Attualmente, l’Iran ha un disperato bisogno di fondi, forniture mediche e materiale per contenere la malattia.

Il commercio di materiale per ragioni umanitarie è esentato dalle sanzioni statunitensi ma molte aziende e banche in tutto il mondo hanno paura di avere a che fare con l’Iran a causa delle sanzioni indirette statunitensi.

“Uno dei problemi per gli aiuti internazionali è stato quello di chiarire le questioni legali relative alle sanzioni per garantire che le forniture mediche e le medicine possano essere esportate in Iran”, ha dichiarato Olivier Vandecasteele, rappresentante – paese di Relief International (RI) in Iran. 

La Cina, che sta ancora combattendo il proprio focolaio, ha inviato materiali anti-epidemici tra cui kit di test, nonché un team di esperti volontari in Iran, ha detto il ministero degli Esteri cinese questo lunedì.

Martedì, i tribunali iraniani hanno ordinato il rilascio circa 85.000 prigionieri, compresi prigionieri politici, dalle carceri per combattere la diffusione del coronavirus.

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *