Ilan Pappé: Stiamo assistendo all’inizio della fine del progetto sionista


Il professor Ilan Pappé, il più autorevole storico israeliano ha affermato: “Ci sono segni  che indicano che siamo all’inizio della fine del progetto sionista, anche se è difficile prevedere quando questo progetto crollerà e quando finirà”. specificatamente.”

Di seguito il testo dell’intervista speciale realizzata con lui dal quotidiano “Arabi 21”

La casa editrice francese Fayard ha recentemente ritirato il suo libro “Pulizia etnica in Palestina”, considerato una delle opere più importanti che trattava dell’occupazione israeliana della Palestina. Come ha accolto questa decisione? Perché la casa editrice lo ha fatto?

Sono rimasto molto deluso dalla decisione dell’editore francese. Lo considero parte di un tentativo di mettere a tacere il dibattito sulla Palestina da parte della lobby sionista. Ma fortunatamente abbiamo trovato un nuovo editore e questi sforzi per metterci a tacere sono destinati a fallire.

Fayard ha detto che è ricorso a questo perché il contratto era scaduto. Comme commenti queste affermazioni?

Dubito fortemente che sia questo il motivo. La situazione è molto chiara e ciò avviene in un momento in cui la Francia sostiene il genocidio dei palestinesi a Gaza.

C’è qualche azione che hai intrapreso in risposta a ciò che ha fatto la casa editrice Fayard House?

No, perché hanno il diritto legale di farlo. Spetta quindi all’opinione pubblica giudicare questo comportamento.

Quanto accaduto rivela la verità sulla “libertà di espressione” di cui parlano la Francia e i paesi occidentali che sostengono Israele?

Naturalmente, questa è una violazione della libertà di espressione. Non solo in Francia, ma in molti paesi occidentali che si vantano di essere democrazie; Quando si tratta di sostenere la Palestina, questa libertà non viene rispettata.

Fortunatamente, a differenza dei governi, le ONG non hanno paura di mostrare pieno sostegno ai palestinesi e alla loro lotta.

Sei soggetto ad altre restrizioni a causa delle tue posizioni antisioniste? 

Sì, di tanto in tanto ci sono pressioni sulla mia università per espellermi, e in alcuni posti in Europa le mie lezioni vengono cancellate, ma questo non influenzerà il mio attivismo per la Palestina.

In che misura l’idea del “popolo eletto da Dio” giustifica gli atroci crimini commessi dalle forze di occupazione israeliane?

Questa idea è importante per un certo gruppo del sionismo, vale a dire i gruppi religiosi nazionali. Gli ebrei più laici sono meno motivati ​​da questa idea, ma il potere degli ebrei religiosi nazionali è aumentato notevolmente negli ultimi anni, quindi questa idea ora influenza la politica israeliana.

In che misura l’immagine di Israele è stata danneggiata nell’opinione pubblica mondiale in seguito alla recente aggressione contro Gaza?

Come ho già detto, le società civili, anche prima degli eventi di Gaza, erano sempre più filo-palestinesi. Gli eventi degli ultimi due mesi hanno reso il mondo più determinato a solidarizzare con la lotta palestinese.

Ciò non ha ancora toccato i governi occidentali, ma speriamo che col tempo le società civili influenzino le politiche governative.

Esiste un sostegno ebraico ad Israele a livello mondiale dopo l’operazione “Al-Aqsa Flood” del 7 ottobre?

Molti ebrei nel mondo, soprattutto quelli della generazione più giovane, non sono sionisti. Pertanto, Israele non può fare affidamento sul fatto che le comunità ebraiche del mondo gli forniscano un sostegno automatico e incondizionato. Sono felice di vedere un gran numero di giovani ebrei che rifiutano il sionismo. Questa posizione morale ebraica aiuterà nella nostra lotta contro l'”antisemitismo” e allo stesso tempo contro il sionismo.

In effetti, in molti luoghi Israele fa più affidamento sui partiti di destra e sui sionisti cristiani.

Israele sta distorcendo l’immagine degli ebrei o insultando la religione ebraica?

Israele ha complicato la vita agli ebrei di tutto il mondo. Equipara il sionismo, che molte persone credono sia un’ideologia razzista e coloniale, al giudaismo. È anche importante ricordare che Israele è il luogo più pericoloso per gli ebrei; è l’unico luogo in cui gli ebrei furono uccisi in gran numero. Naturalmente esiste l’antisemitismo, soprattutto in Occidente, ma esistono modi alternativi per combatterlo e il migliore è combattere il razzismo di qualsiasi tipo in ogni paese.

Quanta influenza hanno gli ebrei antisionisti sulla società israeliana?

In Israele esiste solo un piccolo gruppo di ebrei antisionisti e quindi la loro influenza è molto limitata. Ci sono molti ebrei antisionisti in tutto il mondo e svolgono un ruolo molto importante nel movimento di solidarietà palestinese.

Israele è uno Stato di “tutti gli ebrei” o uno stato di “dei sionisti”?

Penso che la risposta sia chiara. È lo stato degli ebrei sionisti, ma non di tutti i sionisti; Ci sono molti sionisti cristiani.

Quali sono le radici e le cause dell’estremismo israeliano, sia religioso che ideologico?

La fonte dell’estremismo è la natura del pensiero sionista. Divenne un’ideologia coloniale di insediamento negli anni ’20, il che significa che considerava gli indigeni della Palestina come stranieri e un grave ostacolo alla creazione di uno stato ebraico europeo nel mezzo del mondo arabo. Tutti i movimenti coloniali di insediamento operano secondo la logica dell’esclusione dei nativi come unico modo a loro disposizione per costruire un nuovo stato in un paese straniero.

Il “sionismo” è un’idea laica o religiosa?

Il sionismo iniziò come movimento laico. Voleva infatti secolarizzare e modernizzare il popolo ebraico. Ma ha usato la religione come giustificazione per colonizzare la Palestina, sperando che ebrei e cristiani si convincessero a sostenerla.

Negli ultimi anni, il sionismo è diventato più religioso, e ho detto prima che i sionisti religiosi ora hanno un’influenza maggiore che mai.

Secondo te, quando e come finirà il “sionismo”? Qual è il futuro dell’asse antisionista?

È difficile prevedere quando il progetto sionista crollerà e quando finirà nello specifico, ma si può dire che ci sono indicazioni che ci troviamo all’inizio della fine di quel progetto. Sembra che l’unico cemento che tiene unita la società sia l’odio verso i palestinesi. Come hanno dimostrato gli eventi che hanno preceduto il 7 ottobre, all’interno della comunità ebraica è in corso una guerra civile tra ebrei laici e religiosi senza un terreno di possibile accordo comune; Ciò ha dimostrato che la frattura all’interno della comunità ebraica non può essere colmata. L’unica base comune è la guerra e il conflitto, mentre non è possibile mantenere un tale stato per sempre.

C’è la falsa illusione che grazie all’operazione di Hamas sia stata ripristinata l’unità, ma non è così, poiché ciò continuerà a lacerare la società israeliana dall’interno.

C’è anche un crescente rifiuto del pensiero sionista nella società civile globale, che alla fine influenzerà le politiche dei paesi, soprattutto da quando le persone hanno cominciato a vedere il sionismo come un regime illegittimo, e questa idea si è diffusa tra l’opinione pubblica globale, e questo avranno inevitabilmente implicazioni per il futuro del conflitto israelo-palestinese.

La generazione palestinese più giovane fornirà una direzione più consensuale e più chiara al frammentato movimento nazionale palestinese.

C’è anche un chiaro sviluppo negli Stati Uniti d’America, che porterebbe a una maggiore volontà di non coinvolgere gli americani in Medio Oriente

È ancora possibile che la futura trasformazione democratica nel mondo arabo porti a un sostegno arabo più positivo per la Palestina, il che significa un maggiore impegno nei confronti della Palestina.

La società civile di tutto il mondo inizierà a influenzare le politiche che renderanno Israele uno stato paria.

Potrebbe Israele intraprendere un “colpo di stato bianco” contro il sionismo alla luce della possibilità che la sua demografia cambi in futuro?

Temo che non ci sarà alcun cambiamento all’interno della comunità ebraica, anche se dovesse cambiare l’equilibrio demografico. Ciò potrà avvenire solo attraverso una pressione effettiva da parte dell’estero sotto forma di sanzioni e da parte della regione.

Come finirà, secondo te, la guerra israeliana a Gaza?

È difficile da dire. Sembra che ci vorrà più tempo di quanto gli israeliani immaginassero per sconfiggere militarmente Hamas, e che Hamas combatterà fino all’ultimo uomo. Quindi potrebbe volerci molto tempo.

Una volta che ciò accadrà – se ciò accadrà – Israele annetterà parte della Striscia di Gaza a Israele e cercherà di convincere gli egiziani ad accogliere i rifugiati, o altri paesi, e se ciò non funziona, li lascerà in un territorio più piccolo. Cercheranno di convincere una forza multinazionale a prendere il comando e provare a costruire lì una sorta di autonomia fittizia.

Riusciranno in tutto questo? Sono molto scettico. Ma molto dipende da sé scoppierà la guerra nel nord di Israele, al confine con il Libano, cosa accadrà in Cisgiordania e all’interno di Israele? e da come il mondo reagirà a tutte queste sfide.