La stampa italiana s’inventa le spose bambine in Turchia: cosa dice davvero la proposta di legge

Nei giorni scorsi, come avvenne nel 2016, è esplosa la polemica sulla proposta di legge al vaglio del Parlamento turco di depenalizzare la relazione sessuale con i minori di 18 anni nei casi in cui ci sia stata assenza di costrizione. L’intento della legge dovrebbe essere chiaro ma ciò non ha evitato che la stampa italiana travisasse completamente la questione per attaccare il governo turco e il presidente Erdogan.

La stampa italiana non è mai stata tenera con la Turchia da quando il Paese è governato dall’AKP e sembra avere una vera ossessione per il presidente Erdogan che definisce costantemente “il sultano” in senso dispregiativo. In questi giorni, come già successe nel 2016, le accuse rivolte al governo turco sono quelle di voler reintrodurre il matrimonio riparatore, di voler legalizzare la violenza sessuale sui minori, di legalizzare la pedofilia e di incentivare i matrimoni con le spose bambine.

Huffington Post ad esempio mette in relazione la proposta di legge con i casi di femminicidi in Turchia che secondo una fonte citata sarebbero stati 474 nel solo 2019, prosegue citando dati forniti dal partito di opposizione turco CHP secondo cui negli ultimi dieci anni le spose minorenni sarebbero state 500.000.

Repubblica invece propone una chiave di lettura delirante: collega la volontà di approvare la nuova legge a questioni di politica internazionale al fatto che ora “Erdogan si sente più forte dopo aver schiacciato i curdi in Siria e fermato il generale ribelle Haftar in Libia quindi non si pone limiti anche all’interno.”

Sempre Repubblica, racconta  del flashmob inscenato al Parlamento da un gruppo di parlamentari del CHP in cui le donne hanno cantato una canzone cilena in voga contro il “patriarcato”, e scrive testualmente :L’interpretazione non è piaciuta al Sultano. Il quale, noto per il carattere irascibile, ha fatto immediatamente tirare fuori dal cassetto la vecchia bozza di legge, per portarla in Parlamento. Erdogan non è tipo da spaventarsi, ed è uomo capace di spingere i limiti delle situazioni all’estremo.”

Secondo Repubblica quindi Erdogan, in prima persona, avrebbe ordinato di riproporre la modifica normativa ora perchè infastidito da un flashmob femminista. Questa affermazione come quella che chiama in causa Libia e Siria fanno capire quale sia il grado di affidabilità della stampa italiana quando si parla di Turchia e quanto sia poco credibile tutta la narrazione di ciò che sta succedendo intorno a questa proposta.

Secondo Il Fatto Quotidiano la proposta di legge sarebbe un’amnistia sui responsabili di violenze sessuali contro le donne in caso di successive nozze. La rivista Elle invece dice che il 38% delle donne turche ha subito violenza fisica o sessuale dal proprio partner e cita Fidan Ataselim, un attivista turco che accusa il governo di voler cancellare la prova dell’aumento della violenza della donne nel paese attraverso l’approvazione di questa legge.

Fanpage si spinge oltre, e per spiegare ai lettori la questione sceglie di raccontare una storia strappalacrime: “Immaginate di essere una ragazza giovane, bella, libera. Un sabato sera con le amiche, una cena per scambiare due chiacchiere, magari un cinema a seguire….. Un uomo vi fissa in maniera insistente, voi cercate di tenerlo d’occhio senza darlo a vedere, il battito accelera. Qualche passeggero scende, ma la vostra fermata ancora non è arrivata. Quell’uomo si avvicina ancora e continua a fissarvi, mentre voi nervosamente prendete il telefono per distrarvi con Instagram. Alla fermata giusta scendete dal bus, ma quell’uomo scende con voi. Resta due passi indietro, vi segue, la strada verso casa è ancora lunga.”

Solo che questo è assolutamente un racconto di fantasia, non si riferisce ad un fatto specifico ma ha lo scopo di suggestionare il lettore per prepararlo all’attacco di propaganda anti-turca: Immaginate, invece, se la legislazione del vostro Paese vi obbligasse a sposare quell’uomo che non avevate mai visto prima di salire su quell’autobus. Che vi ha seguito fino al portone di casa, che vi ha messo una mano sulla bocca per non farvi urlare e nel buio di un sabato sera ha abusato di voi. Un incubo. Eppure succede ancora, nel 2020, a due passi da noi, in Turchia.

Questo modo di fare informazione è semplicemente agghiacciante, un racconto drammatico di un abuso che potrebbe avvenire in qualsiasi angolo della terra utilizzato ad arte per suggestionare il lettore e rappresentare la Turchia come un Paese di stupratori. 

In tutti questi articoli abbondano i giudizi ma mancano le informazioni, in effetti nessun giornale italiano ha spiegato ai lettori cosa davvero succede in Turchia e quale sia il testo della legge. Inoltre in tutti i casi citati i giornalisti si sono limitati a riportare le versioni dell’opposizione o di attivisti politici ostili al governo. In nessun caso è stato interpellato un esponente del governo turco o i parlamentari che hanno lavorato alla proposta affinchè esponessero le loro ragioni.

L’intento propagandistico risulta evidente dal fatto che nessuno ha riportato che la legge prevede un indulto sempre e quando il rapporto sessuale si sia verificato “senza la costrizione fisica, la minaccia o qualsiasi altra forzatura del consenso”, insomma di fatto non ci sia stata violenza sessuale.

Quindi è evidente il perchè i giornali italiani hanno tralasciato questo aspetto così rilevante, perchè altrimenti avrebbero dovuto spiegare tutta la questione. Avrebbero dovuto spiegare che attualmente l’età del consenso in Turchia è fissata a 18 anni, alta per gli standard dell’Europa occidentale, e che in caso di rapporto con un minore di 18 anni anche avesse 16 anni è previsto il carcere, con pene uguali a quelle previsti per i colpevoli di pedofilia.

L’età del consenso in Italia è fissata a 14 anni, ciò significa che un maggiorenne può avere rapporti sessuali con una ragazza di 14 o 15 anni senza timore di incorrere in un reato. Un uomo è libero quindi di avere rapporti sessuali con quante minorenni vuole senza nessun obbligo di sposarle, una ragazza di 14 anni Italia ha diritto legale di avere tutti i partner sessuali che vuole che siano minorenni o maggiorenni non importa. Allora perchè la stampa italiana, riflesso di un certo mondo politico-intellettuale libertario, pretende che in Turchia ci sia il carcere per chi magari a 19 anni è fidanzato con una sedicenne e vorrebbe sposarla ma non può per legge? Qual è il problema di costoro? Il problema è il matrimonio?

Un altro elemento di evidente disonestà consiste nel parlare di “bambine” quando stiamo parlando di giovani donne di 15, 16 o 17 anni, il termine “bambine” ricorre nei titoli e nel testo degli articoli sulla proposta di legge per generare repulsione in chi legge.

Il forte pregiudizio anti-turco che fa si che la Turchia venga sempre presentata al lettore italiano come un paese in via di islamizzazione forzata, dove per islamizzazione si intende una rappresentazione fatta dei peggiori stereotipi negativi dell’Islam, l’italiano medio leggendo i giornali è portato a pensare che la Istanbul sia una specie di Kabul ma con meno libertà.

La questione femminile è spesso usata dalla propaganda anti-turca di una parte dalla stampa italiana, a rafforzare la rappresentazione di una Turchia ostile alle donne è stata anche la propaganda del PKK e dell’YPD, ripresa dai gruppi politici e dei media italiani, con cui si raccontava di una guerra tra le belle e libere combattenti curde e i maschilisti turchi equiparati ai miliziani dell’ISIS.

Oltre all’ignoranza e alla malafede in questo caso c’è anche un problema di coerenza ideologica e intellettuale, in quanto pur di attaccare il governo turco ed Erdogan certa stampa arriva a contraddire gli ideali di libertà sessuale e la difesa delle libertà civili e dei diritti umani che crede di dover esportare per missione chiedendo il carcere per l’innamorato ventenne di una diciasettenne.

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.