Il Governo spagnolo: dal 26 aprile ritorno alla normalità

Buone notizie per i cittadini spagnoli, la portavoce dell’esecutivo, María Jesús Montero, assicura che i cittadini presto riempiranno di nuovo “strade e piazze”. La Spagna verso la normalità?

E’ possibile che lo abbia detto per tonificare il morale in questo duro periodo, ma di fatto la portavoce ha assicurato che i cittadini saranno in grado di ritornare alla “loro vita normale” dal prossimo 26 aprile, le persone torneranno a “occupare strade e piazze” ma sempre sulla base di “istruzioni chiare” che l’Esecutivo trasmetterà e con determinati standard di controllo. 

Un dibattito aperto

Ore dopo, il ministro della Sanità, Salvador Illa, ha sfumato le parole della sua collega  rimanendo comunque ottimista sull’evoluzione della pandemia: «Siamo ancora nella fase difficile e tutto dovrà essere ben ponderato ».

Dal canto suo  José Luis Ábalos, che detiene il portafoglio dei trasporti, ha dichiarato “Che lo stato di allarme si concluda il 26 non implica che torniamo alla normalità”.

Gradualità monitorata

In un’intervista su Antena 3, raccolta da Europa Press il ministro del Tesoro Pedro Sánchez. Montero ha affermato che:  “per il momento, l’unica cosa che può essere “data per scontata” è l’estensione dello stato emergenziale  fino al 26 “.  ha spiegato che alla fine di questo mese i cittadini saranno in grado di tornare gradualmente alla loro vita quotidiana, anche se non è ancora chiaro in quali condizioni. “Sarà con diversi scenari che non prevediamo perché vogliamo che siano i tecnici a decidere”.

Lo stesso Primo Ministro ha già annunciato che le misure straordinarie dureranno fino alla fine di maggio, ma ciò non significa che il confinamento in atto in questo momento sarà lo stesso. Vi saranno diversi gradi di precauzioni, a seconda delle linee guida stabilite dagli esperti e, soprattutto, a seconda dell’evoluzione quotidiana di persone infette, ospedalizzate e decedute.

«Dal 26 aprile, i tecnici lavoreranno alla de-escalation, al modo in cui i cittadini saranno in grado di recuperare le loro vite normali, tornando nelle strade in modo molto controllato in modo che non vi siano picchi imprevisti nei contagi della malattia. In quel momento daremo istruzioni chiare su ciò che le persone possono e non possono fare “, ha precisato Montero.

Diversi scenari

In questo contesto, il ministro ha precisato che i tecnici del Ministero della Salute attendono le informazioni che verranno fornite loro nelle prossime due settimane per “tracciare” gli scenari del “declassamento”

In questo senso, il governo basco ha sottolineato attraverso Mikel Sánchez, direttore della pianificazione, gestione e valutazione della salute, che a tutt’oggi è “un po ‘frettoloso” parlare di “vita normale”. Ha argomentato: «Stiamo lavorando a un piano per il ritorno alla normalità. Le misure saranno ridotte per tornare alla normalità, ma minimizzando i rischi. Vogliamo evitare che si ripetano situazioni come quelle che si sono verificate”.

In particolare, il ministro ha fatto riferimento allo studio che il suo dicastero sta realizzando e al quale parteciperanno circa 60.000 persone di diverse comunità autonome. “A partire dalle case di cura, le persone che si rivolgono ai nostri centri sanitari e il campionamento casuale”, ha precisato.

Questo studio servirà a chiarire quali persone sono affette o hanno superato la malattia e se hanno sviluppato l’immunità di gregge” una sorta di difesa globale di tutti i cittadini” che, come ha spiegato, trasmette “dati interessanti” su come la malattia può “avanzare in futuro. Solo allora daremo  istruzioni chiare”, ha aggiunto.

All’8 aprile la Spagna denuncia circa 150.000 casi, 15 mila decessi e 50 mila guarigioni

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *