Prima intervista da ex per Corbyn: accuse di antisemitismo per infangarmi

Nella prima intervista dopo le dimissioni, l’ex leader laburista, Jeremy Corbyn ha affermato che le accuse di antisemitismo che gli sono state rivolte sono “scorrette ed estremamente ingiuste”

Jeremy Corbyn, la cui leadership del Partito laburista era stata messa in discussione da accuse di antisemitismo nelle sue fila ha messo in dubbio l’imparzialità dal rapporto della EHRC.

Corbyn ha affermato che quel rapporto fa parte della macchina del governo” la cui indipendenza è stata inficiata dal partito conservatore al potere.

“Penso che sia abbastanza significativo che il governo conservatore abbia finanziato la Commissione per l’uguaglianza e i diritti umani … e per qualche ragione, che non capisco del tutto … essa ha deciso di perdere il suo status indipendente e diventare parte della macchina propagandistica del governo”

L’EHRC è stata istituito nel 2006 come “ente pubblico non dipartimentale”. Si presenta come indipendente dal governo, sebbene affermi di collaborare “con il governo per contribuire al progresso in materia di uguaglianza e diritti umani”.

L’ex leader laburista ha affermato che se avesse conquistato il potere avrebbe ripristinato il principio di indipendenza dell’EHRC e ne avrebbe ampliato i poteri.

La lettera che accusa l’EHRC

I commenti di Corbyn sono arrivati dopo che oltre 100 moschee e 40 imam di UK hanno scritto una lettera accusando l’EHRC di  aver ” tradito alle sue responsabilità”.

Nella lettera ci si chiede se l’EHRC fosse troppo vicino al partito conservatore, rilevando che due membri del consiglio di amministrazione, tra cui il presidente, David Isaac, ricoprono incarichi presso lo studio legale, Pinsent Masons, consulente del governo conservatore.  

L’EHRC  aveva avviato le sue indagini sui laburisti a seguito di denunce legali presentate nel 2018 dalla Campagna contro l’antisemitismo (CAA) e dal Poale Zion (il movimento operaio ebraico affiliato al partito laborista), secondo cui il partito aveva violato la legge sulle uguaglianze.

Dal canto suo un portavoce dell’EHRC ha negato che il suo presidente Isaac abbia un conflitto di interessi.

“Siamo un organismo indipendente – ha detto- e prendiamo molto sul serio la nostra imparzialità. Disponiamo di solide procedure e politiche per gestire i conflitti di interesse, anche quelli percepiti. Da quando ha assunto il ruolo di presidente, David Isaac non è stato coinvolto né ha svolto nessuna attività per dipartimenti governativi o partiti politici. Questo accordo è stato stabilito al momento della sua nomina”.

Pur dicendo che non avrebbe commentato il rapporto, che ora è oggetto di un’indagine del partito, Corbyn ha commentato la cultura all’interno della direzione del Labour in prossimità delle elezioni generali del 2017, quando il sostegno al partitosi si è manifestato con  il 40% dei suffragi e un aumento di  30 seggi, costringendo il parlamento ad una semi paralisi

“Ho sempre saputo che c’era una cultura nel partito laburista che non era sana, un apparato quasi intoccabile. Tutte le organizzazioni purtroppo hanno un certo grado di burocrazia che si perpetua”.

E ha aggiunto: “Volevo cambiare il modus operandi,  da una macchina esclusivamente burocratica che amministrava il partito, ne disciplinava i membri e osservava le sue regole e così via,  a una base organizzata della comunità”.

Corbyn ha descritto la macchina del partito come  se avesse “piedi di piombo” e ha affermato che l’apparato non apprezzava la risposta popolare e il supporto al manifesto della campagna.

Alla domanda se fossero solo  “piedi di piombo o addirittura ostili”, Corbyn ha risposto: “Questa è una domanda interessante”.

In un rapporti si cita un funzionario del Labour che,  mentre gli exit poll prevedevano un parlamento bloccato, scrisse un messaggio WhatsApp ad altri colleghi dicendo “Stanno applaudendo e noi siamo silenziosi e con la  faccia grigia. E’ il contrario di ciò per cui avevo lavorato negli ultimi due anni ”

Corbyn ha detto che leggerlo era stato straziante.

“Si, certo. Non ho trascorso molto tempo nella sede del partito nel 2017. Non è il mio lavoro essere lì tutto il tempo; Ero fuori, per strada … ho fatto 100 eventi in tutto il paese durante quel periodo “

“Loro sostenevano che avremmo dovuto essere”difensivi “e ho risposto:” No, vai là fuori, vai in tutti i collegi elettorali dove ho la possibilità di vincere e provaci “, e guarda i posti che abbiamo guadagnato”.

Corbyn ha affermato che l’accusa di aver tollerato l’antisemitismo nel partito, è “sbagliata ed estremamente ingiusta”.

Il documento trapelato di 860 pagine, intitolato “Il lavoro dell’unità di governance e legale del Partito laburista in relazione all’antisemitismo, 2014-2019″, afferma che i casi di presunto antisemitismo sono stati deliberatamente ignorati.

Keir Starmer, il successore di Corbyn

Keir Starmer  il successore di Corbyn è stato lodato dai leader della comunità ebraica per aver messo in atto misure per contrastare l’antisemitismo all’interno del partito, essi hanno affernato di aver “ottenuto più in quattro giorni” rispetto al suo predecessore in quattro anni.

Corbyn ha sostenuto di aver aver preso provvedimenti per mettere in atto un “solido processo” per affrontare le accuse di antisemitismo all’interno del partito subito dopo esserne diventato leader. Ha descritto l’antisemitismo come “assolutamente, totalmente inaccettabile in qualsiasi forma”.

Sono cresciuto in una famiglia che era chiaramente contraria al razzismo in qualsiasi forma. Mia madre era lì a Cable Street nel 1936 [quando i manifestanti antifascisti tra cui gruppi ebraici e di sinistra si scontrarono con membri dell’Unione britannica fascista di Oswald Mosley nella zona est di Londra].

“Questo è il tipo di ambente da cui provengo. Quando sono diventato capo del partito laburista, ho scoperto che c’erano alcuni casi di persone che erano state accusate di propositi antisemiti all’interno del partito e doveva esserci un processo per affrontarle.

“Era assolutamente inaccettabile in qualsiasi forma, ma i casi erano in realtà molto pochi. Quindi, ho chiesto [all’avvocato per i diritti umani] Shami Chakrabarti di fare un’indagine e fare una proposta, che ha fatto. Scrisse  che doveva avere un’unità di governance più forte, indipendente dalla direzione del partito e che i casi dovevano esser loro e sottoposti per esaminarli e valutarli.

“Avevo una visione molto chiara, non dovevo essere il giudice, la giuria in ogni caso. Quando un caso è stato portato alla mia attenzione – e alcuni erano davver , la gente ha scritto e cose inaccettabili – Io non l’ho affrontato, l’ho passato direttamente alla governance e all’unità legale. “

Corbyn ha sostenuto che la tolleranza dell’antisemitismo nella storia britannica è stata una costante: Winston Churchill, il primo ministro britannico durante la seconda guerra mondiale, aveva fatto osservazioni antisemite “per tutta la vita”.

“Quando pensi alle osservazioni antisemite di Churchill … il grado di accettazione dell’antisemitismo nella nostra storia è abnorme. Penso che ci debba essere una sfida a questa e a qualsiasi forma di razzismo. Questo è ciò  che ho cercato di fare all’interno del partito, come suo leader ed è quello che faccio da tutta la vita. “

L’accusa che Churchill aveva opinioni antisemite è emersa in un libro nel 2007. Richard Toye, allora professore all’Homerton College di Cambridge, scoprì un articolo inedito scritto da Churchill a metà degli anni ’30.

Il libro di Toye è stato fortemente contestato da Martin Gilbert, il biografo ufficiale di Churchill, il quale ha affermato che l’articolo era stato scritto da un giornalista pagato da Churchill per scrivere pezzi in suo nome e questi era anche membro del partito fascista di Mosley.

Gilbert ha affermato che “Le opinioni di qualcun altro, in un articolo inedito, che non è mai apparso in stampa sotto il nome di Churchill, non possono essere presentate a carico di Churchill”.

Hanno chiesto a Corbyn perché non si fosse difeso con maggiore fermezza, soprattutto quando in una sessione della Camera dei Comuni  era stato accusato da Margaret Hodge, veterana deputata laburista, di essere un razzista 

“Beh, mi difendo ricordando l’opposizione al razzismo in qualsiasi forma nella società che ho fatto in tutta la mia vita. Ero troppo tollerante con le persone? Bene, questa è una domanda interessante. Il mio stile di leadership è molto diverso dagli altri. Non volevo essere un dittatore, volevo essere un leader che si imponeva con il consenso ”

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.