Chi ha ucciso Malcolm X? Dopo Netflix anche la procura di Manhattan riapre il caso

Omicidio_MalcomX
Omicidio_MalcomX

Il procuratore distrettuale di Manhattan sta esaminando i fascicoli relativi all’omicidio di Malcolm X ucciso a 39 anni nel 1965. Una serie di Netflix sostiene che due uomini incarcerati per l’omicidio sono stati ingiustamente condannati, mentre quattro uomini sono fuggiti dall’arresto.

Per molti dei suoi ammiratori, un documentario di Netflix conferma ciò che già sapevano: che la verità sull’omicidio di Malcolm X era stata insabbiata e i suoi veri assassini l’hanno fatta franca.

Ora ci sono elementi che potrebbero finalmente cambiare la versione ufficiale dei fatti. L’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan ha confermato che esaminerà i file relativi all’assassinio del leader musulmano. 

Il documentario, segue l’investigatore Abdur-Rahman Muhammad, mentre intervista coloro che conoscevano Malcolm X e alcune persone collegate all’omicidio nella sala da ballo Audubon di New York nel febbraio 1965.

Gli investigatori federali non avevano fornito le prove

Nella serie si accusa che gli investigatori federali di non aver hanno fornito le prove per identificare quattro uomini coinvolti nell’omicidio, portando così alla condanna di due uomini innocenti.

Norman 3X Butler e Thomas 15X Johnson hanno scontato l’ergastolo per l’omicidio, insieme a Talmadge Hayer che ha ammesso il suo ruolo nell’assassinio.

Dopo essere stato incarcerato, Hayer, che in seguito prese il nome di Mujahid Abdul Halim, nominò quattro dei suoi complici e disse che Butler e Johnson non erano coinvolti nell’omicidio. 

I due che in seguito adottarono i nomi Muhammad Abdul Aziz e Khalil Islam, secondo il documentario  non erano presenti all’Audubon al momento dell’omicidio di Malcolm X. La testimonianza di Hayer non è stata tenuta in debito conto dagli investigatori. 

Il ruolo della Nation of Islam

Tutti coloro che sono coinvolti sono membri della Nation of Islam (NOI) – un’organizzazione nazionalista nera alla quale apparteneva Malcolm X fino a quando Malcolm X non se ne distanziò a seguito del suo pellegrinaggio alla Mecca. 

Malcolm X aveva avvertito che l’organizzazione aveva intenzione di ucciderlo e che sarebbe morto per mano loro o per mano del FBI. 

Il documentario racconta tutte le mancanze nel dispositivo di sicurezza che le autorità avevano messo in atto per presuntamente proteggere la vita di Malcolm X.

Malcolm X ha rinunciato alle sue convinzioni anti-bianche dopo essere andato in pellegrinaggio a Hajj e aver abbracciato un’interpretazione ortodossa dell’Islam.

Mentre era alla Mecca, il leader nero fu colto di sorpresa dal senso di fraternità tra pellegrini musulmani di diversa estrazione razziale, compresi quelli bianchi e biondi.

L’esperienza ha avuto un impatto che gli ha cambiato la vita e lo ha portato a dichiarare:

L’America ha bisogno di capire l’Islam, perché questa è l’unica religione che cancella dalla sua società il problema della razza. Durante i miei viaggi nel mondo musulmano, ho incontrato, parlato e persino mangiato con persone che in America sarebbero state considerate bianche, ma l’atteggiamento bianco è stato rimosso dalle loro menti dalla religione dell’Islam. Non avevo mai visto una fratellanza sincera e sincera praticata da tutti insieme, indipendentemente dal loro colore.

Malcolm X era nel mezzo della trasformazione provocata dalle sue esperienze al momento della sua morte, aveva solo 39 anni.

Nato come Malcolm Little a Omaha, nello stato americano del Nebraska nel 1925, la prima infanzia di  Malcolm X è stata segnata dall’omicidio di suo padre da parte di razzisti bianchi e dal crollo mentale di sua madre.

Nella sua adolescenza, si trasferisce a Boston per vivere con sua sorella e poi New York City. Lì frequentò ambienti criminali fino all’arresto per furto con scasso nel 1946.

Fu in prigione che Malcolm X adottò gli insegnamenti nazionalisti neri di Elijah Muhammad e si dedicò all’auto-miglioramento morale e intellettuale leggendo.

Una volta uscito dal carecere Malcolm divenne prima ministro e poi  portavoce della Nation of Islam e aiutò il gruppo a diventare la più grande organizzazione nazionalista nera all’interno della comunità afroamericana.

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *