Parla il filosofo Edgar Morin: si è infranto il nostro delirio di onnipotenza

E’ quasi centenario Edgar Morin, filosofo e sociologo francese di respiro internazionale, 34 università del mondo gli hanno attribuito una laurea honoris causae tra cui due due italiane. Vive a Montpellier, nel sud della Francia e dal suo isolamento, in un’intervista concessa al quotidiano francese Le Monde, si è espresso con la sua consueta lucidità e passione sul momento che stiamo vivendo e sulle opportunità epocali che ci sta offrendo. Pubblichiamo qui ampi stralci dell’intervista. 

Morin inizia da una questione di fondo: era prevedibile che accadesse questa pandemia?

 

… noi continuiamo a prevedere il 2025 e il 2050 quando non siamo in grado di comprendere il 2020. L’esperienza delle  impreviste eruzioni nella storia non ha quasi penetrato la coscienza. Tuttavia, l’arrivo di un imprevedibile era prevedibile, ma non la sua natura. Da qui la mia massima permanente: “Aspettati l’inaspettato”.

Io ero uno di quelli che prevedevano catastrofi a catena causate dallo scatenarsi incontrollato della globalizzazione tecnoeconomica, compresi quelli risultanti dal degrado della biosfera e dal degrado delle società, ma non avevo mai pensato al disastro virale. Eppure c’era un vate di questa catastrofe: Bill Gates, in una conferenza dell’aprile 2012, annunciò che il pericolo immediato per l’umanità non era il nucleare, ma la salute. Aveva visto nell’epidemia di Ebola, che era stata, quasi casualmente, abbastanza rapidamente messa sotto controllo, l’avvisaglia del pericolo globale di un possibile virus con un alto potere di contaminazione, delinenado le necessarie misure di prevenzione, comprese le attrezzature ospedaliere adeguate. Ma, nonostante questo avvertimento, non è stato fatto nulla negli Stati Uniti o altrove. Perché il confort e l’abitudine intellettuale odiano i messaggi che li infastidiscono. Al punto che in molti paesi, tra cui la Francia, la strategia economica just-in-time, in sostituzione a quella di stoccaggio, ha lasciato il nostro sistema sanitario privo di maschere, strumenti di test, dispositivi respiratori; questo, insieme alla dottrina liberale che aziendalizza l’ospedale e riduce le sue risorse, ha contribuito all’andamento catastrofico dell’epidemia.

Capire e affontare la crisi nella complessità

Questa epidemia ci porta un festival di incertezza. Non siamo sicuri dell’origine del virus: mercato infetto di Wuhan o laboratorio nei pressi? Non conosciamo ancora le mutazioni a cui il virus è soggetto o che sarà in grado di subire durante la sua propagazione. Non sappiamo quando l’epidemia si invertirà e se il virus rimarrà endemico. Non sappiamo fino a quando e in quale misura il confinamento ci farà soffrire impedimenti, restrizioni, razionamento. Non sappiamo quali saranno le conseguenze politiche, economiche, nazionali e globali delle restrizioni introdotte dal lockdown. Non sappiamo se dovremmo aspettarci il peggio, il meglio, una miscela dei due: ci stiamo muovendo verso nuove incertezze.

La tragedia del pensiero riduttivo e dsgiuntivo e l’ossessione del profitto

…. Per me, questo rivela ancora una volta la carenza del modo di conoscenza che ci è stato instillato, che ci fa disgiungere ciò che è inseparabile e riduce a un singolo elemento ciò che forma un tutto, al contempo uno e diverso. In effetti, la schiacciante rivelazione degli sconvolgimenti che stiamo subendo è che tutto ciò che sembrava separato è collegato, poiché una catastrofe sanitaria catastrofica incatena tutto ciò che è umano. È tragico che il pensiero disgiuntivo e riduttivo regni sovrano nella nostra civiltà e mantenga il controllo in politica ed economia. Questa formidabile carenza ha portato a errori nella diagnosi, prevenzione e decisioni aberranti. Aggiungo che l’ossessione del profitto dei nostri leader e dirigenti ha portato a risparmi colposi come quelli per gli ospedali e l’abbandono della produzione di mascherine in Francia. A mio avviso, le carenze nel modo di pensare, combinate con l’indiscutibile dominio di una frenetica sete di profitto, sono responsabili di innumerevoli catastrofi umane, comprese quelle verificatesi dal febbraio 2020.

Il valore, i limiti degli esperti e gli interessi degli esperti

È più che legittimo che la scienza venga interpellata dalle autorità per combattere l’epidemia. Tuttavia, i cittadini, inizialmente rassicurati, specialmente dal rimedio del professor Raoult, scoprono poi opinioni diverse e persino contrarie. I cittadini meglio informati stanno scoprendo che alcuni grandi scienziati hanno relazioni interessanti con l’industria farmaceutica, i cui lobbisti sono potenti nei ministeri e nei media, in grado di ispirare campagne per ridicolizzare idee non conformi. Ricordiamoci del professor Montagnier che, contro i pontefici e i mandarini della scienza, è stato, con pochi altri, lo scopritore dell’HIV, il virus dell’AIDS.

La scienza non è mai verità assoluta

Questa è un’opportunità per capire che la scienza non è un repertorio di verità assolute (a differenza della religione) ma che le sue teorie sono biodegradabili sotto l’effetto di nuove scoperte.

Le teorie accettate tendono a diventare dogmatiche ai vertici accademici e sono i devianti, da Pastor a Einstein a Darwin, e Crick e Watson, gli scopritori della doppia elica del DNA, che le fanno avanzare.

Il fatto è che le controversie, lungi dall’essere anomalie, sono necessarie per questo progresso. Ancora una volta, nell’ignoto, tutto procede per tentativi ed errori, nonché per innovazioni devianti inizialmente fraintese e respinte. Questa è l’avventura terapeutica contro i virus. I rimedi possono apparire dove non erano previsti. La scienza è devastata dall’iperspecializzazione, che è la chiusura e la compartimentazione della conoscenza specializzata invece di essere la sua comunicazione. Sono soprattutto i ricercatori indipendenti che hanno realizzato, sin dall’inizio dell’epidemia, una collaborazione che si sta ora allargando tra infettologi e medici di tutto il mondo. La scienza vive delle comunicazioni, tutta la censura la blocca. Quindi dobbiamo vedere la grandezza della scienza contemporanea allo stesso tempo delle sue debolezze.

Le opportunità offerte dalle crisi

La crisi in una società provoca due processi contraddittori. Il primo stimola l’immaginazione e la creatività nella ricerca di nuove soluzioni. Il secondo è la ricerca di un ritorno alla stabilità passata o l’adesione a una ricetta provvidenziale, nonché la denuncia o l’immolazione di un colpevole. Questo colpevole potrebbe aver commesso gli errori che hanno causato la crisi, oppure potrebbe essere un colpevole immaginario, capro espiatorio che deve essere eliminato. Idee devianti ed emarginate si stanno diffondendo ovunque: ritorno alla sovranità, allo stato sociale, la difesa dei servizi pubblici contro la privatizzazione, ricollocazione, demondializzazione, anti-liberalismo, necessità di una nuova politica.

Assistiamo anche, in mancanza di azione degli Stati, a una proliferazione di istanze di solidarietà: produzione alternativa di mascherine da parte di società riconvertite o confezione artigianale, filiere di produttori locali, consegne a domicilio gratuite, assistenza reciproca tra vicini, pasti gratuiti a senzatetto, assistenza all’infanzia; inoltre, il confinamento stimola le capacità auto-organizzanti di porre rimedio alla perdita di libertà di movimento attraverso la lettura, la musica, i film. Pertanto, l’autonomia e l’inventiva sono stimolate dalla crisi.

Spero che la pandemia eccezionale e mortale che stiamo vivendo ci renderà consapevoli che non solo siamo immersi nell’incredibile avventura dell’Umanità, ma che viviamo anche in un mondo che è al contempo incerto e tragico.

La convinzione che la libera concorrenza e la crescita economica siano una panacea per le questioni sociali tarocca la tragedia nella storia umana e la peggiora. La follia euforica del transumanesimo porta al culmine il mito della necessità storica del progresso e quella della padronanza dell’uomo non solo della natura, ma anche del suo destino, prevedendo che l’uomo raggiungerà l’immortalità e il controllo di tutto grazie all’intelligenza artificiale.

Adesso siamo giocatori/giocati, possessori/posseduti, potenti/deboli.

Se possiamo ritardare la morte con l’invecchiamento, non saremo mai in grado di eliminare gli incidenti mortali in cui il nostro corpo sarà fracassato, non saremo mai in grado di sbarazzarci di batteri e virus che si auto-modificano costantemente per resistere a rimedi, antibiotici, antivirali, vaccini .

La crisi violenta e improvvisa della globalizzazione

L’epidemia globale del virus si è scatenata e, dalle nostre parti, ha aggravato una crisi sanitaria che ha causato il confinamento che soffoca l’economia, trasformando uno stile di vita estroverso all’esterno in un’introversione a casa e mettendo in crisi violenta la globalizzazione. Essa aveva creato un’interdipendenza, ma senza che questa interdipendenza fosse accompagnata dalla solidarietà. Peggio ancora, aveva provocato, in reazione, confini etnici, nazionali e religiosi che sono peggiorati nei primi decenni di questo secolo. Di conseguenza, in assenza di istituzioni internazionali e persino europee in grado di reagire con solidarietà d’azione, gli Stati nazionali si sono ripiegati su loro stessi. La Repubblica Ceca ha persino rubato mascherine destinate all’Italia e gli Stati Uniti hanno deviato a loro favore uno stock di maschereine cinesi inizialmente destinate alla Francia.

La crisi sanitaria ha quindi innescato una catena di crisi che si sono concatenate. Questa policrisi o megacrisi si estende dall’essenziale al politico attraverso l’economia, dall’individuo al planetario, passando per famiglie, regioni, Stati. In breve, un piccolo virus in una città ignorata in Cina ha scatenato lo sconvolgimento di un mondo.

Crisi economica, nazionale,di civilizzazione, intellettuale, esistenziale

In quanto crisi planetaria essa mette in luce la comunanza del destino di tutti gli esseri umani, inseparabili dal destino bioecologico del pianeta Terra; contemporaneamente intensifica la crisi dell’umanità che non riesce a costituirsi in Umanità.

In quanto crisi economica, sta scuotendo tutti i dogmi che governano l’economia e minaccia di peggiorare nel caos e nella carenza del nostro futuro.

In quanto crisi nazionale, rivela le carenze di una politica che favoriva il capitale rispetto al lavoro e sacrificava la prevenzione e la precauzione per aumentare la redditività e la competitività.

In quanto crisi sociale, mette in luce le disuguaglianze tra coloro che vivono in piccole abitazioni popolate da bambini e genitori, e coloro che sono stati in grado di fuggire verso la loro seconda casa nel verde.

In quanto crisi di civilizzazione, ci spinge a percepire le carenze di solidarietà e l’intossicazione consumistica che la nostra civilizzazione ha sviluppato e ci chiede di riflettere su una politica di civiltà. 

In quanto crisi intellettuale, dovrebbe rivelarci l’enorme buco nero nella nostra intelligenza, che ci rende invisibili le complessità della realtà.

In quanto crisi esistenziale, ci spinge a mettere in discussione il nostro modo di vivere, i nostri bisogni reali, le nostre vere aspirazioni nascoste nelle alienazioni della vita quotidiana, per fare la differenza tra il “divertissement pascalien” (l’intrattenimento di Pascal), che ci allontana dalle nostre verità e la felicità che troviamo nella lettura, nell’ascolto o nella visione dei capolavori che ci fanno guardare in faccia il nostro destino umano. E soprattutto, dovrebbe aprire le nostre menti, da molto limitate all’immediato, al secondario e al frivolo, verso l’essenziale: l’amore e l’amicizia per la nostra realizzazione individuale, la comunità e la solidarietà: dai nostro “io” al nostro “noi”; il destino dell’umanità di cui ognuno di noi è una particella. In breve, il confinamento fisico dovrebbe incoraggiare la liberazione delle menti.

Danni e speranze insiti nel confinamento

So che il contenimento a lungo termine sarà sempre più visto come un impedimento. I video non possono sostituire permanentemente i film, i tablet non possono sostituire permanentemente le visite al rivenditore. Skype e Zoom non danno il contatto carnale, il tintinnio del bicchiere che beviamo. Il cibo domestico, anche eccellente, non reprime il desiderio di un ristorante. I film documentari non reprimeranno il desiderio di andare lì per vedere paesaggi, città e musei, non mi toglieranno il desiderio di ritrovare l’Italia e la Spagna. La riduzione all’essenziale dà anche sete del superfluo. Spero che il confinamento modererà le nervosi compulsive, la fuga a Bangkok per riportare ricordi da raccontare agli amici, spero che aiuterà a ridurre il consumismo, vale a dire l’intossicazione e l’obbedienza dei consumatori all’incentivo pubblicitario, a favore di cibi sani e gustosi, di prodotti durevoli e non usa e getta. Ma ci vorranno altri incentivi e una nuova consapevolezza affinché avvenga una rivoluzione in questo settore. Tuttavia, si spera che la lenta evoluzione avviata acceleri.

Come ne usciremo?

Badiamo all’essenziale. L’uscita dal lockdown sarà l’inizio dell’uscita dalla mega-crisi o dal suo aggravamento? Boom o depressione? Enorme crisi economica? Crisi alimentare globale? Globalizzazione continua o ritiro autarchico? Quale sarà il futuro della globalizzazione? Il neoliberismo scosso riprenderà vigore? Le nazioni giganti si contrasteranno più che in passato? I conflitti armati, più o meno attenuati dalla crisi, saranno esasperati? Ci sarà uno slancio internazionale  salvifico di cooperazione? Ci saranno progressi politici, economici e sociali, come avvenne poco dopo la seconda guerra mondiale? Il risveglio della solidarietà stimolato dal confinamento si prolungherà e s’intensificherà, non solo per i dottori e le infermiere, ma anche per gli ultimi della cordata, i netturbini, gli esercenti, i fattorini, i cassieri, senza i quali non avremmo potuto sopravvivere? Visto che abbiamo potuto fare a meno di Medef e CAC 40? Le innumerevoli e disperse pratiche di solidarietà precedenti all’epidemia saranno amplificate? I liberati dal confinamenti riprenderanno il ciclo del tempo, accelerato, egoista, consumistico? O ci sarà un nuovo boom nella vita amichevole e amorevole verso una civiltà in cui si svolge la poesia della vita, dove l’io fiorisce in un “noi”?

Non è chiaro se, dopo il lockdown, decolleranno il comportamento e le idee innovative, anche se rivoluzioneranno la politica e l’economia, o se verrà ripristinato l’ordine turbato. Possiamo temere fortemente la regressione generale che stava già avvenendo durante i primi vent’anni di questo secolo (crisi democratica, corruzione e demagogia trionfali, regimi neo-autoritari, spinte nazionaliste, xenofobi, razzisti). Tutte queste regressioni (e nella migliore delle ipotesi stagnazioni) sono probabili fintanto che non appare il nuovo percorso politico, ecologico, economico e sociale guidato da un umanesimo rigenerato. Ciò moltiplicherebbe le vere riforme, che non sono tagli di bilancio, ma che sono riforme della civiltà, della società, legate alle riforme della vita.

Conosciamo le domande kantiane- Cosa posso sapere? Cosa devo fare? Cosa posso sperare? Che cos’è l’uomo? -, che sono state e rimangono quelle della tua vita. 

Un percorso etico

La post-epidemia sarà un’avventura incerta in cui si svilupperanno le forze del peggio e quelle del meglio, quest’ultima ancora debole e dispersa. Infine, sappiamo che il peggio non è certo, che l’improbabile può accadere e che nella battaglia titanica e inestinguibile tra i nemici inseparabili che sono Eros e Thanatos, è salutare ed energico schierarsi dalla parte di Eros.

Ogni crisi mi stimola e questa che è enorme, mi stimola enormemente

L’influenza spagnola ha dato a mia madre una debolezza cardiaca e i medici le raccomandarono di non avere figli. Tentò due aborti, il secondo fallì, ma il bambino nacque quasi asfissiato, strangolato dal cordone ombelicale. Potrei aver acquisito nell’utero una capacità di resistenza che mi ha accompagnata per tutta la vita, ma sono sopravvissuto solo con l’aiuto di altri, il ginecologo che mi ha schiaffeggiato mezz’ora prima lanciassi il mio primo pianto, poi fortuna durante la Resistenza, l’ospedale (epatite, tubercolosi), e Sabah, la mia compagna e moglie. È vero che “l’impulso vitale” non mi ha lasciato; è persino aumentato durante la crisi globale. Ogni crisi mi stimola e questa che è enorme, mi stimola enormemente.

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.