Mahya, le decorazioni luminose delle moschee turche a Ramadan

Il viaggio di un turco di 60 anni che ha padroneggiato l’arte di adornare le moschee con messaggi scintillanti nel mese sacro del Ramadan. Mahya, le decorazioni luminose delle moschee turche a Ramadan.

Mentre le luci accese tra i minareti della moschea di Istanbul trasmettono il messaggio di “Benvenuto Ramadan” o Elveda ya Şehr-i Ramazan in turco, simboleggiano anche la malinconia – huzun – uno stato d’animo che denota un riflesso di Istanbul, i musulmani in Turchia si avviano verso gli ultimi giorni di questo mese santo.

Mahya, le decorazioni luminose delle moschee turche a Ramadan

Mahya – una parola derivata dalla parola persiana “mah” – è un flusso di luci illuminanti, tese tra i minareti svettanti. È una tradizione ottomana consolidata e unica per far risaltare i minareti delle moschee durante le notti del Ramadan, trasmettendo un messaggio dalle colline dell’antica città. Poichè al tempo non c’era elettricità, il mahyaci – l’uomo che disegna la sceneggiatura – realizzava il messaggio da un minareto all’altro con corde e lampade a olio d’oliva.

Kahraman Yildiz, un uomo vivace di 60 anni, è uno dei pochi mahyaci o creatori di mahya rimasti, è lui che sta mantenendo in vita questa antica forma d’arte ottomana. Ha trascorso gli ultimi 45 anni rinunciando al suo tempo libero per costruire e formare il mahya e ora sembra che non ci sia nessuno che lo sostituisca per continuare questa tradizione.

Seduto nel suo laboratorio presso la direzione regionale delle fondazioni, un vecchio atelier pieno di cavi di mahya, Yildiz, le mani dalle vene gonfie tra i capelli grigio canna di fucile, ha un viso abbronzato e un sorriso piacevole, ricorda la sua infanzia, quando vide per la prima volta il mahya.

“Quando avevo 15 anni sono stato assunto come apprendista presso fli awkaf (pie fondazioni) per i lavori elettrici. Un giorno mi hanno portato alla moschea Dolmabahce, dove ho visto un mucchio di cavi, corde, bobine, lampadine e ganci. Munir Can, il mio primo maestro mahya divise quel materiale in sette gruppi e li riparammo uno per uno. Abbiamo fissato i tubi elettrici secondo i segni che contraddistnguono i punti delle lettere come indicato nel progetto su carta. In conformità con le istruzioni di Munir Can siamo riusciti finalmente stendere il mahya, ma poiché era giorno non capivamo se lo stavamo sistemando correttamente o no ”.

L’illiminazione “Mutlu Fetih”

Prendendo una foto di quel giorno dal suo cassetto, Yildiz continua:Sono tornato di nuovo alla Moschea Sultan Ahmet quella notte. Quando c’è stata l’accensione, ho visto l’illuminazione dire “Mutlu Fetih”(Benedetta conquista) Era il 29 maggio 1975, l’anniversario della conquista di Istanbul. È stato meraviglioso. “

Una tradizione vecchia di 400 anni

Durante l’Impero Ottomano, questa tradizione vecchia di 400 anni, di decorazione e bellezza, che si è sviluppata nel mondo islamico, è considerata una pratica unica per i turchi, in particolare per gli Istanbuliti. Questi segni e tecniche di mahya sono cambiati nel corso dei secoli durante i quali si può osservare la trasformazione sociopolitica dell’identità turca.

La Moschea di Sultanahmet

La Moschea di Sultanahmet, riccamente decorata con piastrelle di Iznik del XVII secolo e l’unica moschea con sei minareti; si dice che sia stata la prima casa di luminarie di mahya e l’inizio di questa illustre arte. Ismail Kara, autore di mahya: A nel suo libro “Tradition for Muslim Istanbul”,afferma che il primo mahya fu steso nella moschea di Sultanahmet e fu decretato di farlo in tutte le moschee del Sultano nel mese di Ramadan nel 1617.

Hafiz Kefevi, primo ideatore dei mahya

Il calligrafo Hafiz Kefevi, uno dei muezzin della moschea Fatih, è colui che ha ideato il mahya per la prima volta. Ha formato una cornice artistica su un grande fazzoletto di broccato e ha presentato il suo progetto per l’approvazione del Sultano. Quest’opera ricamata fu molto apprezzata e il Sultano ordinò che questo tipo di scritti e immagini fossero esposti tra i minareti durante le notti del Ramadan a condizione che fossero conformi alle regole e alle tradizioni islamiche.

Istanbul, epicentro dell’arte del mahya

Espressioni come “ti saluto Ramadan”, “Benvenuti a Ramadan”, “Sultano degli undici mesi” all’inizio del mese lasciano il posto ad altri, tra cui “Non c’è altro dio se non Allah” e “Addio mese di Ramadan” verso la fine.

Istanbul è sempre stata l’epicentro dell’arte del mahya e la tradizione si è poi diffusa anche in altre capitali ottomane come Bursa ed Edirne.

Nel 1723, Ibrahim Pasha estese la tradizione delle luminarie di mahya e ordinò che fossero installate in tutte le moschee imperiali durante il Ramadan. Fu anche emanato un decreto per la costruzione di due nuovi minareti a due balconi nella Moschea di Eyup, poiché i suoi minareti erano troppo corti per allestire il mahya.

Inizio dei preparativi 15 giorni prima

I preparativi per l’installazione del mahya nelle moschee iniziano 15 giorni prima del primo del Ramadan. Ogni anno inizio le decorazioni con la moschea Eyup Sultan. Ho un legame spirituale con questa moschea. Ed è importante per me iniziare con una preghiera per Ebu Eyyub el Ensari ”, ha detto Yildiz, mentre il suo viso è diventato improvvisamente serio ed emotivamente compreso.

Creare un mahya era un mezzo per scrivere parole contro la notte fissando minuscole lampade a olio ad una corda tesa tra due minareti. In epoca ottomana i produttori di mahya dovevano accendere e sospendere centinaia di lampade a olio e tracciare con cura le lettere in caratteri arabi.

Le notti del Ramadan sono state occasioni uniche per la società. Tutti si riversavano nelle strade. Mahyas e candele hanno portato gioia ai bambini, trasformando le notti oscure in una grande luminosità.

“All’inizio del 1600 non c’erano TV, giornali, cinema e quindi il mahya era l’unico intrattenimento visivo che gli ottomani avevano in quel tempo”, dice Yildiz.

La trasformazione di Mahya da lampade a olio a lampadine elettriche.

Inizialmente, queste illuminazioni venivano utilizzate per mostrare un’immagine estetica, un fiore, una moschea, una tromba, un uccello o persino pezzi di baklava di diamanti per attirare l’attenzione. Più tardi, si è passati alla scrittura. Una parte delle espressioni del mahya sottolinea ricorda principi dottrinali come i 99 nomi di Dio, o il nome e gli appellativi del profeta Muhammad.

Messaggi di natura sociale e politica trasmessi attraverso i mahya

Anche i messaggi di natura sociale e politica iniziarono ad essere usati nei mahya a partire dal periodo della Seconda Costituzione del 1908, quando la politica divenne parte integrante della vita quotidiana. Dopo la fondazione della Repubblica turca da parte di Mustafa Kemal Ataturk, furono istituiti mahyas più sorprendenti, che trasmettevano messaggi di laicità ed esaltavano il nuovo regime, un periodo caratterizzato dal dominio del secolare Partito popolare repubblicano. Di conseguenza, la scrittura dei mahya divenne pesantemente intrisa di messaggi politici.

Come afferma il professore Kara nel suo libro, nel 1932 testi e le figure dei mahya esposti durante il Ramadan erano i seguenti: “Repubblica”, “Lunga vita ad Ataturk”, “Türk Asla Pes Etme” (il turco non si arrende mai). Durante il dominio britannico di Cipro nel 1950, un mahya con la frase “God Save the Queen” fu appeso alla Moschea Nicosia Selimiye.

Infaq, l’argomento di quest’anno

Oggi le frasi sono più consone al Ramadan e sono scelte frasi tratte da un elenco preparato dalla direzione degli affari religiosi della Turchia. L’argomento di quest’anno è stato “Infaq”, che significa spendere da ciò che ami, una carità dell’Islam, che viene offerta senza alcuna aspettativa di ricompensa o ritorno.

Le illuminazioni di Mahya oggi sono tra i ricordi più importanti e importanti del Ramadan, con molti altri messaggi islamici trasmessi dai minareti ai musulmani.

È un compito impegnativo essere un creatore di mahya in quanto ha le sue responsabilità e sfide. Uno di questi include lavorare ad altezze vertiginose in cima a minuscoli minareti alti 250 metri, ogni settimana del Ramadan per cambiare i messaggi.

“Questo lavoro richiede molte responsabilità, anche se avviene solo una volta all’anno”, dice Yildiz.

Non esiste un’educazione formale per il mahya. Il grande maestro di Yildiz Haci Ali Ceyhan, che è considerato l’ultimo maestro mahya dell’Impero ottomano, gli diceva spesso che “l’arte non è qualcosa che può essere appresa, può solo essere rubata”.

Ali Ceyhan, alias Haci Baba, divenne mahyaci della Moschea Sultanahmet all’età di 14 anni.

Ho trovato l’opportunità di conoscere Haci Baba che era solito preparare i mahyas con candele ad olio e installarli durante il regno di due sovrani ottomani, Sultan Reshat e Sultan Vahdettin. Il mio maestro aveva un carattere solitario e viveva in una delle piccole stanze di Sultanahmet. È stato lui a introdurre innovazioni nell’arte del mahya. “

Nessun commento

Lascia un commento sull'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.